Sessanta volontari a lavoro per ripulire il litorale: riempiti 100 sacchi

Ieri, giovedì 25 aprile, giorno della Liberazione, 60 volontari hanno dedicato la mattinata a liberare la sabbia di Giancola da plastica e rifiuti

BRINDISI – Per fortuna le buone azioni sono sempre contagiose. Sta prendendo sempre più piede nel Brindisino l’abitudine tra i semplici cittadini di pulire gli arenili per evitare che plastica e materiali vari finiscano nel mare. Ieri, giovedì 25 aprile, giorno della Liberazione, 60 volontari hanno dedicato la mattinata a liberare la sabbia di Giancola da plastica e rifiuti. Sono stati riempiti 100 sacchi.

pulizia litorale brindisi6-2-2

L’iniziativa è stata lanciata sulla pagina Facebook “Puliamo il mare di Brindisi” che nella sezione relativa alle “Infornazioni” si descrive così “Vogliamo contribuire a smuovere le coscienze, perché ancora oggi molta gente non conosce l'enormità del problema”.

pulizia litorale brindisi7-2

Uomini e donne di tutte le età, con bambini e cani annessi, hanno ripulito la spiaggia da rifiuti di ogni genere, portati dal mare ma prodotti dall’uomo. E come spesso accade in queste circostanze, è stato trovato di tutto, abbigliamento, scarpe, anche un telefonino, flaconi di detersivi, reti.

pulizia litorale brindisi2-2-2

“Vogliamo condividere con l'intera comunità queste esperienze sperando di lanciare un messaggio a tutti i cittadini ma soprattutto alle autorità e alle grandi multinazionali che ancora non hanno adottato un piano #plasticfree per il futuro del nostro pianeta. Ricordiamo che le pulizie spiagge son aperte a chiunque volesse dare una mano”. Scrivono gli organizzatori sulla pagina Facebook dove è stata documentata la raccolta con foto del “prima”, “durante” e “dopo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento