Nof a Br Lng: "Convocare subito il Ctr"

BRINDISI - Il consigliere regionale, noché coordinatore provinciale di Fli, il senatore Euprepio Curto, chiede la convocazione immediata davanti alla Commissione ambiente del Consiglio regionale pugliese dei vertici del Comitato tecnico regionale, che nella seduta di ieri l'altro, mercoledì 20 giugno - ha ribaltato la precedente decisione, concedendo il Nulla osta di fattibilità al progetto del rigassificatore di Brindisi Lng.

Euprepio Curto

BRINDISI - Il consigliere regionale, noché coordinatore provinciale di Fli, il senatore Euprepio Curto, chiede la convocazione immediata davanti alla Commissione ambiente del Consiglio regionale pugliese dei vertici del Comitato tecnico regionale, che nella seduta di ieri l'altro, mercoledì 20 giugno - ha ribaltato la precedente decisione, concedendo il Nulla osta di fattibilità al progetto del rigassificatore di Brindisi Lng.

“La controversa concessione alla società Brindisi Lng  del Nof (Nulla osta di fattibilità) per la realizzazione del rigassificatore nell’area di Capo Bianco  a Brindisi, impone l’immediata convocazione della commissione Ambiente della Regione Puglia, con  all’ordine del giorno la contestuale audizione del Comitato tecnico regionale, e cioè dell’organismo  che ha espresso il parere positivo sull’intervento”, afferma Curto in una nota.

“ Non appartengo al gruppo di coloro che sono ostili al rigassificatore per motivi di natura ideologica, o per legittima formazione culturale; né faccio parte del club di quelli  formalmente contrari all’impianto, ma sostanzialmente in attesa di poterne incamerare i benefici. Sono, invece, fermamente convinto della sua utilità, pur  nella necessità di contemperare la sua realizzazione con la sicurezza e l’ambiente", ha dichiarato il consigliere di Fli.

“Ma il repentino dietrofront del comitato tecnico regionale – ha sottolineato Curto – desta non poche perplessità e molti interrogativi ai quali solamente l’audizione del comitato Tecnico regionale può dare risposte adeguate.  Solo dall’audizione e dall’esame  comparato dei verbali del 4 aprile scorso e di quelli di ieri  si potrà valutare ogni eventuale ipotesi d’inquinamento decisionale che possa essere stato determinante per la macroscopica inversione di rotta", ha concluso l'esponente del partito di Fini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • energia

    Dal "Majorana" ad una azienda tutta sua

  • energia

    Carbonile a Cerano come a Civitavecchia, lavoro per 39 mesi alle imprese locali

  • energia

    Cambio di rotta, il gasdotto Tap sbarcherà alla zona industriale

  • energia

    A2A scopre le carte, no dal sindaco

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento