"Raddoppio centrale Sfir? Fli dice no"

BRINDISI - No a qualsiasi eventuale progetto di raddoppio della produzione elettrica da biomasse di Sfir, e Futuro e L'bertà si attende dal nuovo sindaco Mimmo Consales l'opposizione a tale eventuale progetto. Lo dice il consigliere regionale ed ex senatore Euprepio Curto. Quindi auguri a Consale che giura oggi, ma Fli "contemporaneamente, lo richiama sin da oggi alle sue responsabilità politiche sollecitandolo a tenere alta la guardia rispetto ad alcuni boatos secondo i quali la Sfir, non paga, di aver reso l’attività dello zuccherificio molto marginale rispetto a quella di produzione di energia elettrica, avrebbe in animo di chiedere il raddoppio della potenza della centrale medesima".

Euprepio Curto

BRINDISI - No a qualsiasi eventuale progetto di raddoppio della produzione elettrica da biomasse di Sfir, e Futuro e L'bertà si attende dal nuovo sindaco Mimmo Consales l'opposizione a tale eventuale  progetto. Lo dice il consigliere regionale ed ex senatore Euprepio Curto. Quindi auguri a Consale che giura oggi, ma Fli "contemporaneamente,  lo richiama sin da oggi alle sue responsabilità politiche  sollecitandolo a tenere alta la guardia rispetto ad alcuni boatos  secondo i quali la Sfir, non paga, di aver reso  l’attività dello zuccherificio molto marginale rispetto  a quella di produzione di energia elettrica, avrebbe in animo di chiedere il raddoppio della potenza della centrale medesima".

Secondo Curto, la Società fondiaria industriale romagnola "proprio per questo motivo,  avrebbe già preso contatti, sia pure informalmente,  con gli uffici del Comune  responsabili della eventuale istruttoria  per saggiarne l’orientamento.  Già la realizzazione dell’attuale centrale termoelettrica a biomasse di Sfir, desta inquietudine e preoccupazione nella popolazione brindisina, oggi più che mai sensibile ai temi dell’ambiente, a causa  dei troppi sforamenti di agenti inquinanti immessi in atmosfera", dice ancora il consigliere regionale.

"E, inoltre, non può passareancora una volta sotto silenzio  il fatto che già la  centrale esistente  a suo tempo  fu approvata  surrettiziamente grazie alla illusione delle centinaia di posti di lavoro (cifra pian piano ridimensionatasi), e all’altrettanto pia illusione di vedere definitivamente  risolta  l’annosa problematica degli ex  Dow e degli ex Evc". Conclude Curto: "Attendiamo quindi dal sindaco Consales  una posizione chiara sul tema, in attesa  della presentazione del suo documento programmatico, da cui Futuro e Libertà potrà dedurre il livello di attenzione che lo stesso sindaco e la sua maggioranza porranno rispetto all’attualissimo  tema  della  tutela ambientale".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento