Ausiliari Asl, slitta il passaggio

BRINDISI – Slitta di tre mesi, nel corso dei quali i sindacati tratteranno le condizioni con l'Asl, il passaggio dei 280 dipendenti dell'Ati (Associazione temporanea d'imprese) composta da Manutencoop ed Ancora alla Sanità Service. E' il risultato ottenuto stamani nel corso della iniziativa di protesta avvenuta nei pressi della sede della Asl di via Napoli, al quartiere Casale, dai dipendenti rappresentati dai segretari Uil Antonio Licchello e Giovanni Albano.

La protesta del personale ausiliario Asl

BRINDISI – Slitta di tre mesi, nel corso dei quali i sindacati tratteranno le condizioni con l'Asl, il passaggio dei 280 dipendenti dell'Ati (Associazione temporanea d'imprese) composta da Manutencoop ed Ancora alla Sanità Service. E' il risultato ottenuto stamani nel corso della iniziativa di protesta avvenuta nei pressi della sede della Asl di via Napoli, al quartiere Casale, dai dipendenti rappresentati dai segretari Uil Antonio Licchello e Giovanni Albano.

In seguito alla manifestazione, i lavoratori hanno ottenuto lo slittamento del passaggio, che avrebbe dovuto consumarsi l'1 gennaio prossimo (31 dicembre data di cessazione del contratto per la nuova assunzione in Sanità Service), all'1 aprile prossimo. Nel frattempo, il direttore generale Paola Ciannamea generale affronterà la questione con i sindacati.

“I rappresentanti dei lavoratori – spiega Giovanni Albano - protestano contro le condizioni peggiorative imposte da Sanità Service anche in virtù di una recente sentenza secondo la quale assumerebbero personale in possesso di contratto a tempo indeterminato riconvertendoli a tempo determinato. Una situazione inaccettabile per i lavoratori che nella stragrande maggioranza dei casi hanno contratti di lavoro da oltre dieci anni”.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Scorte di sangue a rischio: il Centro trasfusionale invita a donare

  • Appuntamento con la donazione del sangue domenica 24 maggio a Oria e Mesagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento