Nuova tecnologia per installare cateteri venosi al Pta di Fasano

Il consigliere Amati: "Moderno sistema per i pazienti bisognosi di frequenti trattamenti farmacologici per via endovenosa"

“Al Pta di Fasano è stata installata un’importante innovazione tecnologica. Si tratta di un modernissimo ecografo per impiantare i cateteri venosi centrali (Picc), che servono per i pazienti bisognosi di frequenti trattamenti farmacologici per via endovenosa. Questo moderno sistema d’impianto evita la radiografia per verificare l’esatto posizionamento, apportando dunque evidenti vantaggi”. Lo comunica il presidente della commissione regionale Bilancio Fabiano Amati.

“I cateteri venosi centrali (Picc) vengono inseriti dal braccio e raggiungono pressappoco il cuore. Con il moderno sistema installato si Fabiano Amatiottengono procedure d’impianto in piena sicurezza sia al letto del paziente che a domicilio. La nuova tecnologia evita la sottoposizione del paziente a radiografia di verifica, perché il sistema è in grado di seguire tutte le fasi come un navigatore dotato delle freccette in uso alle applicazioni per mappe, senza rischio d’errore.
 
C’è da dire che il Pta di Fasano, dal 2007, è centro di riferimento regionale per impianti Port e Picc, perché in grado d’attrarre pazienti residenti in tutti i comuni della regione, come dimostrato dai lusinghieri dati d’accesso registrati negli ultimi anni. La nuova tecnologia a disposizione del Pta fasanese da qualche giorno è presente in pochissimi centri pugliesi e in non moltissimi presidi italiani.
 
Mi sento di ringraziare la Asl Brindisi per questo ulteriore passo sulla strada dell’innovazione e modernizzazione, e in particolare i medici del presidio di Fasano che stanno guidando con piglio sicuro e determinazione il passaggio a una potente strutturazione territoriale dell’offerta sanitaria, dotata di un importante punto di primo intervento, decine di ambulatori chirurgici, medici e diagnostici, e due sale operatorie.
 
Il tutto - conclude Amati - in attesa che il territorio del nord brindisino e sud-est barese possa essere dotato, finalmente, del suo ospedale Monopoli-Fasano per acuti di primo livello che, congiunto ai PTA così come si stanno configurando e alle diverse RSA pubbliche e private, renderà il nostro territorio tra quelli più all'avanguardia della regione”.

Potrebbe interessarti

  • Emergenza sangue, anche Al Bano scende in campo a sostegno della donazione

  • Donazione sangue: torna “La notte della TaranAvis”

I più letti della settimana

  • Prevenzione tumore del colon retto: parte lo screening gratuito

  • "Organico Utic sotto stress. Eppure i Nas avevano prescritto adeguamenti"

  • "Fattibile il progetto di convertire il Di Summa in Pta: adesso la delibera"

  • Emergenza sangue: dieci buoni spesa in palio per chi dona

  • Screening del carcinoma della mammella, a Ostuni potenziato il Servizio di Senologia

  • Utic: "Criticità legate a ferie e tagli, ma i pazienti sono tutelati"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento