"Pd, non si discute sulla sanità"

Intervento di Tommaso Gioia, componente dell'assemblea regionale del Pd, il quale rimprovera al al proprio partito di non discutere di sanità.

Medici ospedalieri

Riceviamo e pubblichiamo un intervento di Tommaso Gioia, componente dell'assemblea regionale del Pd, il quale rimprovera al gruppo dirigente del proprio partito di non aver aperto una discussione interna sulla situazione della sanità nella Regione e in provincia di Brindisi.

"Oramai non s’é ne può più del menefreghismo e dell’arroganza dei vertici del Pd Pugliese, sono costretto, e non è la prima volta, che per avere risposte dal mio partito devo farlo attraverso i giornali. Ho inviato numerosissime mail per chiedere ai segretari regionale e provinciale, di discutere, come è doveroso, della sanità pugliese all’interno del partito, ad oggi nessuna risposta.

Il segretario regionale ed anche il capogruppo alla Regione sono disponibili a parlare con il mondo intero, tranne con chi deve dettare loro l’indirizzo politico, in primis l'assemblea (mai convocata sul tema). La sanità pugliese come ha dichiarato il neo assessore non gode di buona salute, mentre da un lato la regione è riuscita con il Piano di Rientro a risanare il bilancio, dall’altro non si è riusciti ad offrire servizi adeguati sul territorio.

Alle dismissione dovevano seguire le riconversioni, un rafforzamento della medicina del territorio, ed oggi tutto questo, per tante ragioni, non è stato fatto. Il gioco dello scaricabarile, di qualcuno, può servire a creare rendite di posizioni, ma non aiuta a risolvere i problemi, che si risolvono con un’assunzione di responsabilità.

La sanità pugliese vive costantemente di urgenze, così non va bene, è la politica che deve intervenire con un progetto organico, dettando i tempi (fondamentali) ai manager, chi non rispetta i dettami va semplicemente mandato a casa: non si può dire quando le cose vanno bene è merito nostro e quando vanno male è colpa loro.

Il dato vero, alla luce delle dichiarazioni dell’assessore e delle continue falle del sistema, è che il segretario avrebbe dovuto sentire il bisogno, prima di far determinare strumentalizzazioni di sorta, di convocare gli organi eletti e discutere. Lodevole l’iniziativa di incontrare il mondo, ma è indispensabile capire prima il pensiero del partito, che molto spesso loro dimenticano di rappresentare.

Noto nell’atteggiamento dei vertici del Pd un certo fastidio, una sorta di lesa maestà, sul fatto che persone semplici osano interessarsi di sanità. Comunque insisto, non vi permetteremo più di fregarvene di noi, che siamo stati eletti per determinare le scelte del nostro partito, voi ci rappresentate quando ci fate esprimere, diversamente siete solo rappresentanti di voi stessi.

Vi invito per l’ennesima volta a convocare con urgenza gli organi di partito per discutere sull'argomento, credo che convocarci, se non avete niente da nascondere o da tutelare, sia un vostro dovere, ed essere convocati un nostro diritto". (Tommaso Gioia)

In Evidenza

I più letti della settimana

  • A Brindisi nascerà un ambulatorio dedicato in maniera esclusiva al diabete di tipo 1

  • La sede Onu di Brindisi dona al Perrino barella di biocontenimento

  • Vincitori concorso Oss, Fp Cgil: "Si conoscano i criteri di collocazione"

  • Servizio di 118: "Asl Brindisi in ritardo con le internalizzazioni"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento