Tumore al seno, novità per la prevenzione nel congresso nazionale di senologia a Brindisi

Chiusa la terza edizione organizzata da Stefano Burlizzi, direttore dell'Uos di Chirurgia senologica dell'ospedale Perrino: "In campo di diagnosi precoce presentata la tecnica della biopsia liquida, che potrà permettere di predire alcuni tumori molto tempo prima che diano manifestazioni cliniche, rappresentando una vera rivoluzione nella ricerca oncologica". Si è parlato inoltre di un vaccino che verrà sperimentato all'Istituto Pascale di Napoli, efficace contro i tumori cosiddetti "triple negative"

BRINDISI – Prevenzione prima di tutto assieme alla ricerca e allo studio: il mondo medico scientifico traccia un bilancio più che positivo all’esito della terza edizione del congresso nazionale di senologia “Quality of Care, Quality of life”, organizzato da Stefano Burlizzi, direttore dell’Uos di chirurgia senologica dell’ospedale Perrino di Brindisi e referente per la Puglia dell’Associazione Nazionale Senologi Chirurghi.

burlizzi stefano-2La città di Brindisi ha radunato i responsabili di alcuni dei più accreditati centri di senologia nazionali: Policlinico Sant’Orsola di Bologna, Ospedale Careggi di Firenze, Istituto Tumori di Milano, Humanitas di Rozzano, Campus biomedico e policlinico Gemelli di Roma, Policlinico di Pavia, Ospedale Santa Chiara di Pisa, Ospedali Riuniti di Bergamo, Molinette di Torino. Sono stati presenti anche tutte le corrispondenti strutture pugliesi: Policlinico, Oncologico e San Paolo di Bari, Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo, Ospedali Riuniti di Foggia, Ospedale Vito Fazzi di Lecce, Santissima Annunziata di Taranto, al cospetto dell’intera Breast Unit del Perrino di Brindisi.

 “L’obiettivo è fare il punto della situazione sulle più recenti strategie diagnostiche e terapeutiche finalizzate alla lotta al tumore al seno”, spiega Burlizzi (nella foto accanto). “I chirurghi Senologi e Plastici, convenuti a Brindisi, hanno presentato tecniche innovative, capaci di garantire affidabili risultati oncologici e nel contempo eccezionali esiti estetici, al fine di minimizzare l’impatto della malattia sull’aspetto e sul vissuto delle pazienti”.

 E’ stato sottolineato il ruolo dei chirurghi nel prevenire l’insorgenza del cancro in donne ad esso predisposte geneticamente che, sull’esempio dell’attrice americana Angelina Jolie, sempre più spesso stanno richiedendo interventi profilattici. La Breast Unit del Perrino ha presentato un percorso particolarmente efficace, apprezzato dai rappresentanti degli altri centri, che prevede l’esecuzione dei test genetici e degli interventi profilattici secondo un modello che vanta circa due anni di esperienza in questo specifico ambito.

La presenza di. Luigi Cataliotti, coordinatore della rete Senonetwork che annovera tutti i centri di senologia di eccellenza in Italia, ha dato modo di ribadire l’importanza dell’implementazione delle Breast Unit sul territorio nazionale, modelli organizzativi che garantiscono qualità delle cure e percentuali di guarigione superiori del 18 per cento rispetto a quelle dei centri che affrontano la patologia mammaria occasionalmente. La Breast Unit di Brindisi è stata tra le prime 30 ad essere registrata nella rete nazionale.

“In campo di diagnosi precoce è stata presentata la tecnica della biopsia liquida, che potrà permettere di predire alcuni tumori molto tempo prima che diano manifestazioni cliniche, rappresentando una vera rivoluzione nella ricerca oncologica”, spiega Burlizzi. “Si è parlato inoltre di un vaccino che verrà sperimentato all’Istituto Pascale di Napoli, efficace contro i tumori cosiddetti “triple negative” che colpiscono anche donne molto giovani ed in particolare le portatrici di mutazioni genetiche Brca”. A questo sottogruppo di pazienti, che sviluppano il tumore al seno per cause genetiche, è stata dedicata grande attenzione, invocando la creazione di un registro regionale e di uno nazionale capaci di tracciarne un preciso identikit, al fine di aumentare le conoscenze scientifiche idonee a migliorarne la gestione e le cure.

L’evento, ormai riconosciuto come uno dei più importanti eventi scientifici in ambito di Chirurgia Senologica sul territorio nazionale, ha visto la partecipazione di oltre 200 corsisti tra medici, biologi e paramedici, provenienti da tutta Italia, i quali hanno potuto apprezzare anche l’amenità del nostro porto nel momento in cui si prepara alla regata velica Brindisi-Corfù, con la quale quest’anno l’evento scientifico è stato, in un certo senso, gemellato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fp Cgil: "Nuovo inquadramento contrattuale per gli ausiliari Asl"

  • Obesity Day: incontro informativo e screening gratuito

  • Ospedale Perrino: infiltrazioni dal soffitto, piove nel corridoio di Urologia

  • Sette milioni per la ristrutturazione del vecchio ospedale di Fasano

  • Infiltrazioni di acqua all'ospedale Perrino, Asl: "Rottura di un pluviale"

  • Prevenzione tumore al seno: incontro con gli specialisti a piazza Vittoria

Torna su
BrindisiReport è in caricamento