Majorana, domani inaugura aula futuro

BRINDISI - L’aula del futuro è già pronta da giorni, ma domattina (2 marzo 2013) alle 10.30 vi sarà il taglio del nastro e partirà ufficialmente all’Itis Majorana di Brindisi la nuova sperimentazione. Alla presenza del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, del sub commissario della Provincia di Brindisi, Giovanni Grassi e del capo dipartimento del ministero dell’Istruzione, Giovanni Biondi, inizierà la nuova avventura hi-tech per i ragazzi che frequentano l’istituto.

Il preside Salvatore Giuliano nell'angolo relax dell'aula

BRINDISI - L’aula del futuro è già pronta da giorni, ma domattina (2 marzo 2013) alle 10.30 vi sarà il taglio del nastro e partirà ufficialmente all’Itis Majorana di Brindisi la nuova sperimentazione.  Alla presenza del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, del sub commissario della Provincia di Brindisi, Giovanni Grassi e del capo dipartimento del ministero dell’Istruzione, Giovanni Biondi, inizierà la nuova avventura hi-tech per i ragazzi che frequentano l’istituto.

Per il momento l’aula del futuro è una, ma il preside Salvatore Giuliano, che ha anche la paternità, insieme al suo staff, dell’idea, assicura che a stretto giro ne saranno messe a disposizione dei ragazzi almeno sette. Si tratta di spazi multimediali dotati di pc, touch screen, e di scaffali per tablet e netbook. Con uno smartphone sarà possibile rispondere ai quiz, i cui risultati appariranno in tempo reale su uno dei tre maxi schermi di cui l’aula, dalle pareti blu e verdi, con parquet e finestre con colori accesi, e’ dotata.

Tre i computer per insegnanti e studenti, naturalmente provvisti di programmi in grado di mettere loro in comunicazione con il mondo intero. I registri sono online ormai da tempo al Majorana, così come v’è per ognuno degli iscritti un badge personale per timbrare ingresso e uscita da scuola.

Sgabelli al posto delle solite sedioline, niente banchi, ma tavoli rotondi per creare gruppi di lavoro. Pouf per i momenti di distensione e, ovviamente wifi per consentire a tutti i ragazzi di essere in rete e di condividere i contenuti del proprio lavoro, quale che sia la materia. Si studia con tablet e con il ‘book in progress’.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • “Ciak si gira!”: torna la “Notte delle Muse” al liceo Durano di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento