Prof sospesa a Palermo: la solidarietà degli studenti del Marzolla

Guidati dalle riflessioni dei professori Iolanda Guadalupi e Vincenzo Paladino, stimolati dalla docente Fs Area docenti e alunni, Vittoria Fedele, hanno letto e commentato gli articoli 21 e 33 della nostra Costituzione

BRINDISI – Dagli studenti del liceo classico Benedetto Marzolla di Brindisi solidarietà alla docente di Palermo colpita da un provvedimento di destituzione dall’insegnamento per 15 giorni con dimezzamento dello stipendio, per non aver vigilato su un elaborato audio/ video prodotto da alcuni suoi alunni, che paragonava alcuni provvedimenti adottati dal Ministero dell’Interno alle Leggi razziali del 1938. Guidati dalle riflessioni dei professori Iolanda Guadalupi e Vincenzo Paladino, stimolati dalla docente  Fs Area docenti e alunni, Vittoria Fedele, hanno letto e commentato gli articoli 21 e 33 della nostra Costituzione.

“Si è parlato della libertà di pensiero, di parola, delle scelte religiose e politiche, che la Carta Costituzionale sancisce e riconosce a tutti i cittadini. Senza censure. Perché la censura è attuabile solo nei confronti di contenuti che ledano la dignità o offendano la persona. Ma non se si esprime il proprio pensiero nei confronti di fatti storici o di attualità. Si può non condividere, ma non censurare. Si è passati, poi, alla libertà delle arti e delle scienze e alla libertà del loro insegnamento, sancite dalla Costituzione. Libere le arti e le scienze, non asservibili all’economia o alla politica o agli interessi di pochi”. Scrivono in una nota

“Infine l’intervento del rappresentante degli studenti, Pietro Guadalupi, che ha richiamato Calamandrei: la Costituzione è una carta che segna la strada maestra della storia degli Italiani e che, nata dalla riflessione, dallo studio, dal dibattito tra i padri costituenti, rimane faro e luce della nostra democrazia. Essa, come un fiore bello e delicato, da difesa e tutelata anche attraverso momenti formativi, come quello che oggi la comunità educante del Marzolla ha vissuto col placet, ovviamente, del Dirigente Scolastico Carmen Taurino”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento