Assi: "Primo, difendere alla grande"

OSTUNI - La preparazione dell'Assi Ostuni comincerà il 22 agosto, per affrontare al meglio l'esordio in Legadue, evento storico per i gialloblu di Franco Marcelletti, ispiratore e partecipe passo dopo passo assieme alla società dell'allestimento della squadra. Ma come vede questa sfida per il basket ostunese, un coach di grandissima esperienza come Marcelletti? E cosa pensa della potenzialità e delle possibilità del roster a disposizione?

Da sin., Tanzarella e Marcelletti

OSTUNI - La preparazione dell'Assi Ostuni comincerà il 22 agosto, per affrontare al meglio l'esordio in Legadue, evento storico per i gialloblu di Franco Marcelletti, ispiratore e partecipe passo dopo passo assieme alla società dell'allestimento della squadra. Ma come vede questa sfida per il basket ostunese, un coach di grandissima esperienza come Marcelletti? E cosa pensa della potenzialità e delle possibilità del roster a disposizione?

“Il giudizio sulla squadra bisognerà esprimerlo più avanti. Ora dico solo che abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati insieme al general manager Pino Lerna ed al direttore sportivo Enrico Marseglia. Si tratta di una squadra completamente nuova, tranne Basei che rappresenta l’anello di congiunzione con la squadra della passata stagione. Il nostro obiettivo - spiega Marcelletti - era quello di costruire una squadra giovane, ma combattiva e con un grande carattere. Abbiamo operato bene sul mercato nel rispetto dei ruoli e con grande professionalità”.

la prima domanda che si pongono i tifosi dell'Assi è: fin dove si potrà arrivare?. “Puntiamo alla permanenza in un contesto molto difficile. Credo - dice chiaramednte il coach - che il livello delle Legadue negli ultimi anni si sia innalzato diventando davvero un campionato complesso, molto diverso da quello che i tifosi ostunesi hanno visto negli ultimi anni. Abbiamo accettato qualche scommessa e non poteva essere diversamente per una società che si affaccia per la prima volta su questa palcoscenico e deve fare i conti con il budget. La scelta dei collegiali rappresenta quasi una mossa obbligata per molte squadre di Legadue".

Ed ecco i percorsi obbligati di mercato, all'esordio e in tempi non facili per le finanze delle società sportive: "Negli ultimi anni le squadra di Lega A pescano proprio in Legadue gli americani, ma anche gli italiani, per allestire i propri roaster. Di conseguenza - spiega ancora Franco Marcelletti - le squadra della serie cadetta devono puntare sulle scommesse che a volte sono delle vere e proprio scoperte come Ricky Hickman che è arrivato in Italia da emerito sconosciuto e che oggi è uno dei migliori giocatori della massima serie. Le favorite alla promozione? Sono tante. A partire dalle tre V, Verona, Venezia e Veroli. E poi Brindisi, Barcellona e Reggio Emilia. Ma ci sono tante ottime squadre che renderanno il torneo difficilissimo”.

Ma il mercato dell’Assi, dice la società gialloblu, non è ancora chiuso e si cerca un cambio alle guardie. "Un giocatore che parta dalla panchina, ma che al momento opportuno - così descrive le caratteristiche che dovrà avere del prossimo acquisto lo stesso coach - sappia dare il suo contributo alla partita. Un grande difensore: qualità che voglio da tutta la squadra. Sarà la difesa la nostra arma migliore. Se riusciremo a farlo di squadra sono convinto che ci divertiremo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Lite poi gli spari davanti al mercato della "Corazzata", al Paradiso

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento