Brindisi in campo solo 20 minuti: Cremona passeggia al PalaPentassuglia

Crollo totale della New Basket nel terzo quarto, dopo un primo tempo equilibrato. Restano quattro i punti di vantaggio su Pesaro

BRINDISI - Dura solo 20 minuti la gara fra Happy Casa Brindisi e Cremona. Dopo un primo tempo equilibrato, il roster di coach Vitucci nel terzo quarto ha un crollo verticale (parla da solo il parziale di 11-32 con cui si chiude il periodo) che spiana la strada alla (fin troppo) agevole vittoria della squadra di coach Sacchetti (72-99), tornato per la prima volta da avversario al PalaPentassuglia. Il ko, però, è indolore per i biancazzurri, perché a tre giornate dalla fine del campionato di Serie A restano quattro i punti di vantaggio sul fanalino di coda Pesaro, sconfitto in casa da Cantù, in attesa che si concluda la gara che vede impegnata Capo d’Orlando (altro fanalino di coda) contro la Sidigas Avellino.

Nel primo tempo i padroni di casa hanno tenuto testa alla Vanoli, costringendola a inseguire. Ma una volta esaurite le riserve d’ossigeno, non c’è stata più storia. Brindisi ha risentito di un organico ridotto all’osso. Dopo l’infortunio di Moore, del resto, l’unico play abile e arruolato resta Giuri. E se si tiene conto anche delle e precarie condizioni fisiche con cui è sceso in campo Tepic, per la New Basket c’era ben poco da fare. 

Primo quarto

Brindisi parte con Suggs, Tepic, Smith, Lydeka, Giuri. Sacchetti schiera nello starting five Johnson, Ruzzier, Fontecchio, Sims, Milbourne. 
Lydeka, dominante sotto le plance, è il protagonista di un buon avvio della Happy Casa Brindisi. In palla anche Suggs, sempre imprevedibile con i suoi spunti. I biancazzurri, anche se con un margine esiguo, conducono le ganze nei primi minuti. Ma a partire dal 5’ la Vanoli alza i ritmi e con un ispiratissimo Johnson sorpassa la New Basket (15-18). Le squadre tutto sommato si equivalgono. Mesicek entra in partita al 9’, con la tripla del più 4 (22-18). Lo stesso Mesicek, poco dopo, è il realizzatore dei due tiri liberi che siglano il primo tentativo di allungo dei padroni di casa (26-20 al 10’). Alla fine del quarto, Brindisi è avanti di treb (26-23). 

Secondo quarto

Nei primi due minuti della seconda frazione la difesa biancazzurra viene perforata per due volte da altrettante schiacciate di Kevin Martin.  Bravo il giocatore americano, ma Brindisi non difende con la dovuta attenzione. In attacco le cose vanno meglio, perché Mesicek, Tepic e Smith “martellano” Cremona, propiziando un nuovo mini allungo della New Basket (40-35 al 17’).  Ma l’equilibrio continua a regnare sovrano. Alla fine del tempo, il risultato è di perfetta parità (44-44). 

Terzo quarto

L’inerzia inizia a pandere dalla parte degli ospiti all’inizio del secondo tempo. La Happy Casa rientra dagli spogliatoi con scarso mordente. Cremona invece è più aggressiva che mai. Non a caso il roster lombardo va sul più sei (48-54). Giuri riesce a tamponare l’ondata con il suo primo canestro della partita, da tre, ma Cremona prende lentamente il sopravvento. Al 27’, sul 53-68, gli ospiti tentano la fuga. Penalizzata da una panchina cortissima, Brindisi va in debito d’ossigeno. Cremona, con un parziale di 15-0, cola sul più 18 al 19’ (55-73). La New Basket, ormai, è in balia di cremona. Il distacco dagli uomini di coach Sacchetti tocca quota 21 punti al 30’ (55-76). Il quarto si chiude con un parziale di 11-32. 

Ultimo quarto

La partita, ormai, ha poco da dire. Brindisi è sulle gambe. Cremona gestisce l’ampio margine in scioltezza, facendo ruotare il proprio organico. A tre minuti dalla sirena, con Cremona avanti di 27 punti (70-97) il pubblico comincia ad abbandonare gli spalti. Cremona porta a casa una vittoria che la avvicina alla zona playoff. Brindisi rimedia una sconfitta che rimanda l’appuntamento con la salvezza matematica. La speranza è che l’agognato traguardo possa essere centrato fra sette giorni, a Varese. Altrimenti, Giuri & co. ci riproveranno alla penultima giornata, contro Reggio Emilia. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Terremoto di magnitudo 5.8 presso Durazzo, paura nel Brindisino

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • L'autofficina era abusiva: scattano denuncia e sequestro

  • Cocaina per mezzo milione di euro: brindisino condannato a sette anni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento