Calcio, si tenta ancora il salvataggio

BRINDISI - Proseguono senza sosta le grandi manovre del Comune di Brindisi per tentare di non far sparire il calcio dal capoluogo. In una nota, infatti, tutte le parti politiche che si sono attivate allo scopo in questi giorni, confermano che gli incontri per dar vita ad una cordata di imprenditori stanno proseguendo a ritmi serrati.

La conferenza stampa al Comune

BRINDISI - Proseguono senza sosta le grandi manovre del Comune di Brindisi per tentare di non far sparire il calcio dal capoluogo. In una nota, infatti, tutte le parti politiche che si sono attivate allo scopo in questi giorni, confermano che gli incontri per dar vita ad una cordata di imprenditori stanno proseguendo a ritmi serrati.

Il fine, si sa, è quello di costituire una nuova società calcistica e, contestualmente, ottenere il miglior risultato possibile riguardo a quelli che saranno i provvedimenti della Federazione Calcio allorquando arriverà la scure della radiazione. La certezza è la ripartenza dal campionato di Eccellenza, la speranza è che qualche squadra non si iscriva al campionato di serie D.

Dopo la conferenza stampa in stile “burlesque” tenuta a Taranto dal presidente del Football Brindisi 1912, Antonio Pupino, in cui sono stati denunciati misteriosi e non precisati poteri occulti per far morire il calcio a Brindisi, sarebbe meglio, per manifestare la concretezza nonché l’esistenza di un effettivo nuovo progetto calcistico, indicare chi e quali siano questi nuovi imprenditori disposti a salvare questo sport.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Grave aggressione contro operatori del 118: danneggiata un'ambulanza

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Sacra Corona: Raffaele Renna sottoposto a regime di carcere duro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento