Campionati Italiani di tiro con l’arco: tre medaglie per arcieri sampietrani

Sono tornati a casa con due medaglie d’argento e una di bronzo

SAN PIETRO VERNOTICO - Due medaglie d’argento e una di bronzo per gli arcieri Amici Di Reno ai campionati Italiani di tiro con l’arco, specialità tiro di campagna disputati a Santo Stefano in Aspromonte (Rc) il 27 e 28 luglio scorsi.

Le medaglie d’argento sono andate a Sara Caramuscia, già campionessa italiana Indoor nel 2018 e 2019, e a Cosimo Renna, più volte campione italiano di questa specialità, mentre quella di bronzo è stata appesa al collo di Francesca Caramuscia. Alla gara hanno partecipato circa 200 arcieri italiani che hanno disputato gare di qualifica nel periodo da giugno 2018 a giugno 2019.

Nel tiro con l’arco, la disciplina di campagna prevede il tiro a bersagli di varie dimensioni situati a varie distanze, disposti lungo un percorso/sentiero che gli arcieri percorrono con archi e frecce pronte per essere scagliate. La particolarità della gara è che l’arciere prima di tirare le frecce deve, ad ogni bersaglio, valutare la distanza alla quale è posto.

Inutile sottolineare la soddisfazione del presidente dell’associazione Paola Quarta, madre delle gemelle Caramuscia, per i prestigiosi risultati raggiunti dai propri atleti.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

I più letti della settimana

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento