Nuovo palazzetto: manca il via libera della Soprintendenza

Una sola riserva da sciogliere prima dell'approdo in consiglio comunale. Oggi conferenza dei capigruppo. La maggioranza. "Sugli espropri speculazioni immotivate"

BRINDISI – Una conferenza dei capi gruppo sul nuovo palazzetto dello sport si è svolta stamattina (mercoledì 23 ottobre) presso il Comune di Brindisi. Le questioni affrontate sono quelle riguardanti l’esproprio dei terreni situati in contrada Masseriola, là dove sorgerà la nuova opera. L’unico progetto candidato al bando pubblicato la scorsa estate è quello dalla “New Arena”, presentato dalla New Basket Brindisi, in associazione con la Primiceri Spa e la Petito Prefabbricati.

In attesa del parere della Soprintendenza

Tale progetto è ancora sottoposto al vaglio della conferenza dei servizi, riunitasi due volte lo scorso mese. Durante la seconda seduta, svoltasi il 20 settembre, la Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio di Brindisi, Lecce e Taranto ha chiesto la cosiddetta carta archeologica, un certificato attestante l’assenza di reperti archeologici nell’area di cantiere.

Da quanto appreso, la società proponente avrebbe già depositato la documentazione richiesta, ma il via libera al progetto da parte dell’ente non è ancora arrivato. Una volta sciolta questa riserva, considerato che tutti gli altri enti partecipanti alla conferenza dei servizi non hanno posto ostacoli di alcun tipo e hanno espresso parere favorevole, la giunta potrà portare il progetto all’approvazione del consiglio comunale.

I costi a carico del Comune

Tutto ciò è propedeutico all'avvio della procedura espropriativa dei terreni sui cui verrà realizzato il palaeventi. Da un punto di vista economico, va ricordato che il Comune di Brindisi dovrà coprire solo i costi per l’esproprio, pari a circa 460mila euro, e le opere di urbanizzazione, pari a circa 250mila euro. Tali somme, da quanto emerso nel corso della conferenza, verranno individuate tramite la rivisitazione di alcuni capitoli di spesa già inseriti in bilancio, in gran parte impegnati per la realizzazione di precedenti opere pubbliche, mai realizzate e che entrano pertanto nella nuova disponibilità del Comune. Tutte le somme così reperite potrebbero rientrare a far parte del piano triennale di opere pubbliche, oltre a uno stanziamento da 100mila euro per il restyling della pista di pattinaggio adiacente al parco giochi del rione Casale, la cui ristrutturazione verrebbe poi candidata a un bando regionale. 

Maggioranza: "Chiariti tutti i dubbi"

Le forze di maggioranza, ad ogni modo, tracciano un bilancio positivo dell’incontro odierno.  “Con l'ausilio di tutti i tecnici comunali e dell'assessore Oreste Pinto - si legge in una nota congiunta di Brindisi Bene Comune, Impegno Per Brindisi, Italia Viva, Ora Tocca A Noi, Partito Democratico e della consigliera Livia Dell’Anna - sono stati illustrati tutti i passaggi già compiuti per la realizzazione di questa importante opera e tutto quanto è ancora necessario e propedeutico alla finalizzazione del progetto”.

“Sono stati chiariti – si legge ancora nella nota - tutti gli aspetti in merito alla vicenda espropri sulla quale le speculazioni di parte della opposizione erano state tante ed immotivate. Così come anche è stata chiarita la scelta della localizzazione dell'opera che è da un lato motivata da oggettive compatibilità con norme, leggi, vincoli e previsioni economiche e dall’altro dalla scelta politica di traguardare finalmente quella cittadella dello sport per tanti anni inseguita e mai realizzata alla Masseriola”. A tal proposito, nel corso della conferenza, l’amministrazione ha esibito una nota del Coni nazionale che suggerisce agli Eli enti locali di realizzare i nuovi impianti accanto a quelli preesisistenti. 

“Per la nostra amministrazione – affermano i consiglieri di maggioranza - questo è un obiettivo importante e lo dimostrano sforzi e impegno che si stanno profondendo per raggiungerlo. Il passaggio consumato oggi in conferenza dei capigruppo è stato fondamentale per fare definitiva chiarezza e mettere fine alle pretestuose polemiche dei giorni scorsi così come addirittura ha ammesso un capogruppo della minoranza riconoscendo l’infondatezza di qualche rilievo”.

L'assessore Pinto: "Avanti per la nostra strada"

Fiducioso l’assessore allo Sport, Oreste Pinto. “Non ho mai auto dubbi – dichiara Pinto –sia sulle coperture economiche che sulle procedure. Andiamo avanti per la nostra strada, certi che un nuovo palazzetto sia un investimento per far crescere la produttività e l’economia della città. Fra l’altro abbiamo anche il dovere di realizzare una struttura sicura per le migliaia di persone che seguono le partite della squadra di basket. Il mio pensiero va soprattutto ai tanti diversamente abili che attualmente, nel PalaPentassuglia, non sono messi nelle condizioni di poter assistere dignitosamente a un evento sportivo. In più, pensando che ospiterà anche dei concerti, il palaeventi potrà diventare un valore aggiunto per manifestazioni nazionali. Il palazzetto è infatti uno dei capisaldi per una economia differente”. 

Articolo aggiornato alle ore 19.15 (Attesa per il parere della Soprintendenza)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Lite poi gli spari davanti al mercato della "Corazzata", al Paradiso

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento