Florimbj: "L'Avellino? Mi dicono che è forte, ma noi non guardiamo in faccia nessuno"

BRINDISI – Giusto il tempo di rilassarsi. “Ci siamo dovuti concedere una giornata di riposo altrimenti diamo di testa”, dice l’allenatore del Brindisi Carlo Florimbj, reduce dalla vittoria conquistata a Isola Liri. “Non è stato facile – ammette -, Isola Liri è una squadra dura. Ci ha messo in difficoltà. Saranno poche le squadre che riusciranno a fare punti nello stadio Nazareth. Ma ora è già tempo di pensare all’Avellino”.

Carlo Florimbj

BRINDISI – Giusto il tempo di rilassarsi. “Ci siamo dovuti concedere una giornata di riposo altrimenti diamo di testa”, dice l’allenatore del Brindisi Carlo Florimbj, reduce dalla vittoria conquistata a Isola Liri. “Non è stato facile – ammette -, Isola Liri è una squadra dura. Ci ha messo in difficoltà. Saranno poche le squadre che riusciranno a fare punti nello stadio Nazareth. Ma ora è già tempo di pensare all’Avellino”.

La squadra ricomincerà la preparazione oggi pomeriggio, al Fanuzzi. “Siamo indietro di dieci, quindici giorni con la preparazione – chiosa l’allenatore -. Dobbiamo recuperare e metterci al passo con le altre squadre. Non siamo al top eppure abbiamo messo in mostra un buon calcio a Isola Liri. E aggiungo che noi possiamo solo migliorare. La squadra ha ancora un abbondante margine di crescita”.

La Coppa Italia non importa più di tanto. Mercoledì ad Andria manderà in campo i giocatori che sinora hanno giocato poco. Gli altri in sede si prepareranno al match con l’Avellino. “Non lo conosco bene. Mi dicono che è una squadra che ha ambizioni l’Avellino – dice Florimbj -. Ieri in casa ha stentato. Ma da domani si apre il calcio mercato e non è escluso che possa rinforzarsi. Noi giocheremo la nostra partita come sempre, con l’impegno di sempre e con umiltà. Camminiamo per la nostra strada e non guardiamo in faccia a nessuno. Ho a disposizione un gruppo molto compatto e buono”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Isola Liri l’entrata di Maiorino ha cambiato volto alla partita. Maiorino è un giovane attaccante, classe 1989, prelevato dal Taranto. Una scommessa di Galigani&Co. “E’ un giocatore bravo – prosegue il tecnico biancazzurro -. E’ che a volte vuole strafare. A Isola Liri non ha cambiato volto alla gara. Moscelli ha fatto una gara eccellente, poi è calato ed ho messo in campo Maiorino. Gli avevo di fare alcune cose (giocate a lui congeniali) e lui è stato disciplinato e perfetto”. E Ceccarelli? “Lo abbiamo visto tutti”, conclude il tecnico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento