Happy Casa: impatto "orribile" ad Avellino, ora lo spareggio con Pesaro

Fondamentale il recupero di Moore, Smith e Tepic in vista dello scontro salvezza e del finale di campionato

Foto Legabasket

BRINDISI - Delle quattro sconfitte consecutive subite dalle prime quattro formazioni in lotta per aggiudicarsi lo scudetto 2017-18 quella di Avellino è stata “orribile” per l’approccio impalpabile e per una condotta di gara inconsistente. Si spiega così, come definita da coach Vitucci al termine della partita, una delle peggiori prestazioni di Happy Casa Brindisi di questa fase del campionato. 

Di certo i punti-salvezza coach Vitucci non poteva sperare di ottenerli da partite come quelle disputate contro Milano, Venezia, Brescia ed Avellino, ma mentre nelle prime tre partite la squadra aveva mostrato chiari segni di reazione e comunque di non doversi arrendere pesantemente allo strapotere tecnico e fisico delle formazioni avversarie, contro la squadra di coach Sacripanti ha mostrato, invece, fin da subito un atteggiamento arrendevole che ne ha condizionato il gioco ed il risultato a conclusione di un primo tempo disastroso in attacco ed in difesa, che ha influito su tutta la partita. 

I numeri e le prestazioni dei singoli

E’ stato il tempo chiuso con un il risultato di 52-29 che sintetizza l’inconsistenza della squadra brindisina ed il timore reverenziale con cui ha affrontato la formazione di Avellino, concedendo la possibilità ai giocatori avversari del calibro di Bruno Fitipaldo di tirare piedi a terra e ben piazzato (4/4 da 3 punti e 3/5 da 2 punti) e di favorirne la straordinaria prestazione complessiva nel tiro dall’arco chiusa con il 70,6 per cento(12/17), contro il 13,6 per cento dei brindisini (3/22!). 

_DL_2818-2

Ma la sonora sconfitta di Avellino non può ritenersi spiegabile solo con i numeri, pure decisamente esplicativi, perché va ricercata anche nelle prestazioni dei singoli giocatori, mai in partita per tutto il primo tempo tranne a rientrare nella seconda parte della gara quando Avellino aveva già messo al sicuro il risultato e ogni possibilità di rimonta era stata preclusa, limitata a consentire ad Happy Casa il terzo quarto chiuso con un punto di vantaggio (17-18) e l’ultimo quarto ancora in favore(20-24), ma sempre con il costante vantaggio sui 20 punti della squadra di coach Sacripanti. 

Brindisi ha ora la necessità di recuperare energie fisiche e mentali in vista della partita-spareggio in programma domenica prossima al PalaPentassuglia, contro la VL Pesaro esaltata e rimessa in corsa salvezza dalla straordinaria vittoria contro Capo d’Orlando, per non vanificare tutti i tentativi operati fino ad ora per risalire la classifica e salvare il campionato. 

I giocatori da recuperare

Coach Vitucci dovrà recuperare i giocatori-chiave, i più importanti e determinanti della formazione brindisina, a cominciare da Nic Moore, Donta Smith e Milenko Tepic, apparsi irriconoscibili ad Avellino ed in questa ultima fase di campionato, a cui si deve chiedere il massimo sforzo per dare alla squadra più efficienza in attacco, maggiore consistenza in difesa ed un apporto in termini di esperienza e personalità. Nic Moore, ben conosciuto per le sue considerevoli doti di tiratore scelto e per le sue alte percentuali di realizzazioni nel tiro da tre punti, è sempre più marcato e raddoppiato dalle difese avversarie, ma ha mostrato anche ad Avellino di aver perso la sua proverbiale sfrontatezza e rapidità nel tiro dall’arco, si è spesso trovato nella posizione ideale per il tiro ma ha rinunciato ed ha preferito girare la palla e servire i suoi compagni di squadra. Nic Moore ha trovato il suo primo canestro da sotto dopo che erano trascorsi 25 minuti dall’inizio della partita e la sua presenza limitata a 22 minuti in campo ha avuto un senso solo a risultato già scontato in favore di Avellino. 

Lydeka, Happy Casa Brindisi-2

Coach Vitucci deve recuperare il miglior Nic Moore e metterlo nelle condizioni ideali per trovare spazio al tiro, perché la squadra, ora che manca Cady Lalanne, ha bisogno dei suoi punti, della sua rapidità e della sua guida, così come è indispensabile che Donta Smith ritorni ad essere il giocatore ammirato di poco tempo fa e che Milenko Tepic non ripeta le pessime esibizioni di inizio campionato. 

Da Avellino giungono conferme positive per Tau Lydeka che si è bene inserito nei giochi di squadra e riesce a dare un buon contributo complessivo sia in attacco che in difesa (11 punti realizzati, con 3/5 da 2 punti,5/5 nei liberi e 8 rimbalzi), mentre Antonio Iannuzzi è risultato ancora spaesato ed inconcludente e certamente e non è apparso finora il giocatore che tutti si aspettavano per rinforzare il roster di coach Vitucci, dopo la partenza di Cady Lalanne. 

Il calendario

Ora Happy Casa Brindisi è ad una svolta decisiva. La permanenza nel campionato di serie A passa dal PalaPentassuglia a partite da domenica prossima quando la squadra dovrà fare ricorso a tutte le proprie energie fisiche e mentali per vincere e ribaltare la differenza canestri (80-75) contro Pesaro, diventato avversario diretto dopo la vittoria su Capo d’ Orlando, e porre le basi per costruire un finale di campionato conciliabile con le giuste aspettative e le richieste della tifoseria e della società. 

Iannuzzi, Happy Casa Brindisi-3

Delle nove partite che restano da disputare fino al termine del campionato, infatti, la squadra di coach Vitucci sarà impegnata per 5 volte in casa (Pesaro, Sassari, Capo d’Orlando, Cremona e Reggio Emilia) e quattro volte in trasferta (Bologna, Trento, Varese ,Cantù), mentre a pari punteggio nell’eventuale classifica avulsa finale, Happy Casa Brindisi ha finora conseguito la migliore differenza canestri nei confronti delle possibili formazioni in corsa per la salvezza con -93 (1595 realizzati e 1688 subiti), rispetto a Capo d’Orlando con – 272 (1455 fatti e 1727 subiti), a Pesaro con -146 (1621 realizzati e 1767 subiti). Un vantaggio finora conseguito da Happy Casa Brindisi nei confronti delle dirette concorrenti da tenere nella giusta considerazione e che potrà essere consolidato domenica prossima contro Pesaro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Terremoto di magnitudo 5.8 presso Durazzo, paura nel Brindisino

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • L'autofficina era abusiva: scattano denuncia e sequestro

  • Cocaina per mezzo milione di euro: brindisino condannato a sette anni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento