Happy Casa: su Vitucci fake news, confermato il contratto biennale

Si va verso la formula 6+6. Al vaglio le riconferme di Lydeka, Smith e Tepic. Entusiasmo per lo sponsor Happy Casa, possibile l'ingresso di nuovi soci

BRINDISI - Il “basketmercato” che riguarda il movimento degli allenatori è impazzito troppo presto, quando ancora sono in corso di svolgimento i play off per l’aggiudicazione del titolo italiano 2017/18.  La “panchina” liberata da coach Max Menetti a Reggio Emilia ha messo in movimento un vorticoso giro di nomi abbinato alle panchine delle squadre di serie A, fra cui la New Basket Brindisi fresca di rinnovo contrattuale con lo sponsor Happy Casa. 

Nessun interesse di Reggio Emilia

E’ il nome di Frank Vitucci che viene dato per partenza da Brindisi alla volta di Reggio Emilia e di Treviso, nonostante che, notoriamente, il coach è legato contrattualmente alla New Basket Brindisi anche per il prossimo campionato. Intanto Reggio Emilia formalizzerà fra qualche giorno una decisione già adottata, per cui il per sostituire coach Max Menetti per la prossima stagione agonistica, sarà promosso a capo allenatore proprio il suo assistente Devis Cagnardi, che in questi anni ha collaborato attivamente con l’head coach e che riscuote la massima fiducia da parte della società emiliana.  

Si riparte dalla formula 6+6

Lo stesso Frank Vitucci, così come spiegano in società, ha solo chiesto qualche giorno di tempo per decidere se ritornare a Brindisi con la famiglia o continuare la sua collaborazione con la New Basket Brindisi, come da contratto, evitando di sottoporre moglie e tre figli ad un trasferimento. Prima di lasciare la città, subito dopo la conquista della permanenza in serie A, coach Vitucci ha avuto un lungo colloquio con il presidente Nando Marino e Pino Marinò, nel corso del quale è stato tracciato in linea di massima quello che sarà il programma per la prossima stagione agonistica, la settima consecutiva di permanenza nella massima serie nazionale di basket, in particolare decidendo che sarà adottata la formula 6+6, cioè un roster composto da sei stranieri senza differenza di passaporto, e sei italiani. 

Happy Casa-Reggio Emilia, Smith-2

Le possibili riconferme

Al vaglio della società e del coach Vitucci si è discusso della possibilità di riconfermare Donta Smith e Tau Lydeka, considerato che i due giocatori sono classe 1983 e che, naturalmente, non potranno garantire un campionato ad alto minutaggio ma che, invece, potrebbero tornare molto utili se impiegati in tempi giusti.

Al vaglio anche le posizioni di Milenko Tepic, classe 1987, che per le sue caratteristiche tecniche potrebbe essere un buon jolly per ricoprire diversi ruoli, e di Blaz Mesicek che potrebbe rimanere ancora a disposizione di coach Vitucci per completare un processo di maturazione iniziato già da due campionati e che potrebbe completarsi con successo essendo un classe 1997. Del gruppo degli italiani dovrebbero far parte anche Marco Giuri, che ha un contratto biennale con la New Basket Brindisi, e Marco Cardillo un giocatore che negli anni gli allenatori Bucchi, Sacchetti e lo stesso Vitucci hanno potuto apprezzare per le sue doti di difensore. 

Presentazione maglie Happy Casa Basket Brindisi-2

Management Happy casa trascina nuovi soci

Intanto il considerevole contratto di sponsorizzazione sottoscritto dalla società Happy Casa e New Basket Brindisi per un biennale che offre alla società brindisina buone garanzie per il prossimo futuro, ha prodotto entusiasmo ed ampi consensi nella tifoseria brindisina anche per l’entusiasmo e l’accresciuta passione del “management” Happy Casa nei confronti della squadra e della città, mentre ora si parla anche di ingresso di nuovi soci a sostegno dei futuri programmi della società.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Terremoto di magnitudo 5.8 presso Durazzo, paura nel Brindisino

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • L'autofficina era abusiva: scattano denuncia e sequestro

  • Cocaina per mezzo milione di euro: brindisino condannato a sette anni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento