Il Brindisi si fa raggiungere dal Fasano e saluta la Coppa. Tensione prima del match

Finisce 1-1 il derby di ritorno, dopo lo 0-0 dell'andata. Prima della gara lancio di fumogeni e bombe carta nel parcheggio, ma le forze dell'ordine hanno evitato lo scontro fra le tifoserie

La rete realizzata da Scarcella direttamente su calcio d'angolo

BRINDISI – Il Brindisi pareggia in casa contro il Fasano (1-1, dopo lo 0-0 dell’andata) nel match di ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia di Promozione e si gioca un’ulteriore possibilità di salire in Eccellenza, non potendo più ambire al primo posto (occupato proprio dal Fasano, distante 14 punti) ed essendosi complicata anche la corsa per la zona playoff, visto che il quinto posto, occupato dal Lizzano, dista due lunghezze, ma la distanza fra la quinta e la seconda dovrebbe essere non superiore ai sette punti per accedere ai playoff, mentre adesso vi sono ben 10 punti fra i biancazzurri e la seconda (il Tricase).

Prima della partita,ci sono stati momenti di tensione fra gli ultra brindisini e gli oltre 100 tifosi giunti da Fasano. Ma l’intervento di poliziotti e carabinieri, presenti in gran numero, ha evitato che le due tifoserie si scontrassero. I disordini si sono risolti nel lancio di qualche fumogeno e di un paio di petardi nel parcheggio. Durante e al termine della partita, poi, non si sono registrati ulteriori problemi.

Poliziotti in assetto anti sommossa-2

Tornando al calcio giocato, la gara è stata avara di emozioni. Gli uomini di mister Salvatore Nobile (alla sua seconda partita da allenatore del Brindisi dopo la vittoria conquistata domenica scorsa a Grottaglie) si sono portati in vantaggio grazie a una prodezza di Scarcella (al 16’), che ha sorpreso Termite con un tiro dalla bandierina. Il Brindisi (supportato da circa 200 supporters) dava l’impressione di poter gestire il vantaggio senza correre troppi rischi.

CSC_0100-2

Ma al 6’ Fumarola ha ristabilito il pareggio con un gol da cineteca: una conclusione al volo dal vertice sinistro dell’area di rigore che si è insaccata sotto al sette con una traiettoria a palombella, trafiggendo l’incolpevole Termite (che pochi minuti dopo si è infortunato, lasciando il posto a Contestabile). Da parte dei biancazzurri non c’è stata una convinta reazione. E così la partita si è trascinata fino al 90’ senza particolari sussulti, sancendo l’ennesima delusione di una stagione da dimenticare per il Brindisi, che domenica farà visita al Carovigno.

Le foto sono di Gianni Di Campi

Asd Brindisi-Fasano 1-1

Asd Brindisi: Termite (Contestabile dal 15’ st), Mastrogiacomo, Morleo, Iaia, Vantaggiato, Tamborrino, Zanzariello (Procida dal 16’ st), Luperto, Galeandro, Scarcella, Cassano (Francioso dal 26’ st). A disposizione: Contestabile, Borromeo, Errico, Procida, De Fazio, Francioso, Spagnolo. All: Nobile

Fasano: Zambetti, Pugliese, Mizzi, Marini (Leggiero dal 42’ st), Anglani, Amato, Longo (Pace dal 21’ st), Fumarola, Gennari, Amodio, Fanugliulo. A disposizione: Lacirignola, Leggiero, Di Tano, Pace, Colucci, Quaranta, Serri. All. Laterza

Arbitro: Recupero di Lecce, coadiuvato da Vitobello di Barletta e Peloso di Barletta

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marcatori: Scarcella  (Br) al 16’ pt; Fumarola (Fa) al 6’ st

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

Torna su
BrindisiReport è in caricamento