La Lng era interessata a sponsorizzare il Brindisi. E potrebbe riprovarci con la nuova società

BRINDISI – C’è un retroscena importante, emerso dalla conferenza stampa tenuta questo pomeriggio dai fratelli Francesco e Giuseppe Barretta, in via de’ Terribile – nella sede della società – e convocata per annunciare ufficialmente il passaggio del Brindisi 1912 alla cordata di imprenditori presieduta da Vittorio Galigani.

Francesco e Giuseppe Barretta

BRINDISI – C’è un retroscena importante, emerso dalla conferenza stampa tenuta questo pomeriggio dai fratelli Francesco e Giuseppe Barretta, in via de’ Terribile – nella sede della società – e convocata per annunciare ufficialmente il passaggio del Brindisi 1912 alla cordata di imprenditori presieduta da Vittorio Galigani.

Ad aver ipotizzato la possibilità di sponsorizzare il Brindisi era stata, negli ultimi mesi, la Brindisi Lng. E se inizialmente l’ingresso dell’azienda nel mondo del calcio è saltato, non è escluso che possa avvenire nei prossimi mesi.

Giuseppe Barretta, raccontando le tappe – tra cordate vere e presunte – che hanno poi portato alla conclusione della trattativa con i nuovi proprietari, ha fatto riferimento proprio al passaggio relativo alla Lng: “Noi – ha detto Barretta -, sin da quando avevamo comunicato la nostra intenzione di vendere il titolo, e anche prima, ci siamo sempre mostrati disponibili all’ingresso di nuovi imprenditori che volessero assieme a noi condividere l’esperienza calcistica o comunque che prendessero il nostro posto. Lo stesso dicasi per gli sponsor. Abbiamo ascoltato tutti, ma alla fine non è che ci sia stata la fila”.

E alla domanda dei giornalisti sulla fondatezza delle notizie di contatti con la Lng, Barretta spiega: “Con la Lng ci siamo sentiti – racconta -, abbiamo parlato, si sono informati di tutto, anche di quanto costi affrontare un campionato. Ma questo è normale: quando si parla con noi, si finisce sempre con il parlare di calcio in tutti i suoi aspetti. E’ vero, la Lng si era detta interessata ad un’ipotesi di sponsorizzazione. Volete sapere qual è stata la nostra risposta? <Bene, fatevi avanti, e se anche a godere dei soldi della sponsorizzazione sarà la nuova società che arriverà al nostro posto, non importa. L’importante è che si aiuti il Brindisi>. Ma poi sono venute fuori strane voci, legata ad una nostra richiesta di tre milioni di euro. Ecco, non so da chi sia partita questa notizia, ma non è mai stata vera”.

Ma a questo punto, hanno incalzato i giornalisti, al di là della fuga di notizie su richieste vere o presunte, la trattativa con la Lng si è interrotta irrevocabilmente o esiste una concreta possibilità che la società sponsorizzi più avanti il nuovo Brindisi? “Dovreste chiederlo ai nuovi proprietari – hanno risposto i Barretta -, ma con noi non si interruppe alcuna trattativa”. L’interesse ci sarebbe ancora, dunque, e allo stato delle cose, alla luce anche di queste dichiarazioni, l’ipotesi-sponsorizzazione non è assolutamente da escludere. Anzi. E’ certo, invece, che un eventuale ingresso della società nel mondo del calcio biancazzurro rappresenterebbe uno degli investimenti destinato a far discutere la città, impegnata da anni nel dibattito sull’opportunità o meno della realizzazione dell’impianto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento