Notizie e smentite, il solito Brindisi

BRINDISI - E’ sempre tanto difficile parlare di “pallone” a Brindisi in periodo di campionato, diviene ancor più difficile parlarne in periodo estivo. Notizie che vanno e vengono in libertà: soci che si adirano e si dimettono; nuovi soci che entrano per cambiare tutto; centinaia di migliaia di euro pronti per il ripescaggio, no, non più; allenatore e direttore sportivo, indigeni e con tanto di certificato autoctono, in pool-position, ma quando mai, chi lo ha detto.

Il presidente Giuseppe Roma

BRINDISI - E’ sempre tanto difficile parlare di “pallone” a Brindisi in periodo di campionato, diviene ancor più difficile parlarne in periodo estivo. Notizie che vanno e vengono in libertà: soci che si adirano e si dimettono; nuovi soci che entrano per cambiare tutto; centinaia di migliaia di euro pronti per il ripescaggio, no, non più; allenatore e direttore sportivo, indigeni e con tanto di certificato autoctono, in pool-position, ma quando mai, chi lo ha detto.

Si cambia, ecco pronto quale allenatore Roberto Miggiano (con rispettabile e autorevole curriculum) e il ds Romualdo Corvino, figlio del ben più noto e famoso Pantaleo. Ma, finirà qui? Ci crediamo poco. Sembra, comunque, farsi certa una precisa strada: per l’anno sportivo calcistico 2012/2013 che velocemente si approssima, la maggiore squadra di calcio della città adriatica, denominata “Città di Brindisi”, se non dovessero esserci totali sconvolgimenti e cataclismi sportivi, disputerà nuovamente le partite nell’inferno della Serie “D”.

Ecco, allora, tra il serio e il faceto, l’ombra del Commendator Franco Fanuzzi, di felice memoria, ad ammonire i calciofili locali: “Quando io non ci sarò più, il calcio lo vedrete solamente in televisione”.

Parole che, a molta distanza di tempo, possono apparire profetiche, ma che, ad altrettanta distanza di tempo, scaramanticamente, dovrebbero esortare gli addetti ai lavori a voler sfatare quella bonaria, diretta, personale e istintiva profezia. Riusciranno in ciò Roma, De Finis e Sciacca ? Non compete a noi esprimere giudizi, né formulare previsioni, possiamo, però, metterci alla finestra e attendere, attendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

  • Scu e gioco d'azzardo: arresti e sequestri sull'asse Lecce-Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento