Cedas Avio, si riparte: new entry nello staff tecnico della prima squadra

L'ex calciatore Gianluca Di Giulio affiancherà mister Vincenzo Di Serio nel campionato di Prima Categoria. confermati il preparatore atletico Paolo Politi, il preparatore dei portiere Salvatore Galluzzo ed il massaggiatore Antonio Lopez

BRINDISI - Inizia una nuova stagione per la Cedas Avio Brindisi che come ogni anno anticipa i tempi organizzativi per farsi trovare pronta ad affrontare i prossimi impegni. La prima novità riguarda lo staff della prima squadra pronta ad affrontare un nuovo campionato di Prima Categoria. Ad affiancare mister Vincenzo Di Serio, confermato alla guida della formazione brindisina, ci sarà Gianluca Di Giulio nome noto nel panorama calcistico nazionale professionistico. 

Di Giulio è stato per anni bandiera Castrovillari, Benevento e Rimini che gli ha permesso di raggiungere e giocare anche in Serie B, Gianluca Di Giulio-2disputata  anche nella stagione successiva con l’Hellas Verona. Il talentuoso centrocampista ha anche vestito le maglie di Brindisi, Trani e Gallipoli. Una scelta quella della società brindisina che punta alle qualità personali oltre che tecniche permettendo a due vecchi amici come Gianluca Di Giulio e Vincenzo Di Serio di ritrovarsi a lavorare insieme su un terreno di gioco non come compagni di squadra ma con la responsabilità di contribuire ad un campionato che la Cedas Avio Brindisi vuole disputare da protagonista dopo l’importante salvezza conquistata da matricola nella passata stagione con una squadra dalla media età giovanissima che ha permesso di far esordire tutti i giovani calciatori della formazione Juniores classe 2001 inserendo anche dal gruppo Allievi atleti classe 2002 che in questa stagione saranno protagonisti del campionato Juniores. 

A comporre lo staff della prima squadra Cedas oltre al tecnico Vincenzo Di Serio e Gianluca Di Giulio confermati il preparatore atletico Paolo Politi, il preparatore dei portiere Salvatore Galluzzo ed il massaggiatore Antonio Lopez. A lavorare in stretta sinergia con la prima squadra anche in questa stagione la formazione Juniores che è stata affidata alla guida tecnica di Luigi Corvetto che sarà affiancato da Vincenzo Zammillo per la parte atletica e da Salvatore Galluzzo per la formazione dei portieri. 

20190703_190807-2

Un gruppo di lavoro importante per un organizzazione che metta al centro in particolare la valorizzazione di giovani calciatori che possano mettere in mostra le loro qualità e fare esperienza nel calcio dei cosiddetti grandi dando continuità alla filiera della società brindisina completa in tutte le annate che parte dal divertimento dei calcio dei bambini alla maturazione del settore giovanile fino a giungere al completamento della crescita nelle categorie adulte composte dalla Juniores e dalla prima squadra. Una opportunità per i ragazzi cresciuti all’interno della scuola Cedas ma anche per chi decide di sposare la filosofia educativa e comportamentale della società adriatica per una crescita che guarda lontano e che passo dopo passo ha confermato la società brindisina per il secondo anno consecutivo prima società calcistica di Puglia per numero di tesserati. Un cammino silenzioso ma costante di sviluppo, formazione e qualità senza grandi proclami ma con la forza del lavoro costante e duraturo nel tempo. 

Guarda lo sport live e on-demand su DAZN
Comincia il tuo mese GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Yogurt: dalla Mesopotamia di 3000 anni fa

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Trovato alla guida di un trattore rubato del valore di 50mila euro: arrestato

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento