Scherma, qualificazione regionale: Lame Azzurre sul podio

Valida per l'accesso alla fase nazionale di Open assoluti che si svolgerà a Caorle a fine marzo

BRINDISI - Una domenica da ricordare quella appena trascorsa, l'ennesima, che ha visto protagonisti ancora una volta gli atleti della Società Enel Scherma Lame Azzurre Brindisi Novoli, chiamati a rappresentare i colori bianco azzurri nella prova di qualificazione regionale, valida per l'accesso alla fase nazionale di Open assoluti che si svolgerà a Caorle a fine marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella spada femminile podio tutto brindisino, dove ha dominato e vinto Miriana Morciano, secondo posto per la sua compagna di squadra Chiara Maestoso e terzo per Chiara Spedicato, tutte e tre qualificate; per la stessa gara avevano partecipato anche Sofia Biscosi e Carla De Sicot.
Nella spada maschile invece sono saliti sul podio Mattia Ghidotti giunto 2° e Corrado Verdesca 3°, entrambi qualificato assieme a Pietro Rinaldi, (già qualificato in quanto facente parte del gruppo d'élite nazionale).
Soddisfazione immensa per i tecnici della società brindisina, che si conferma eccellenza della spada salentina e pugliese, prontissima ad affrontare le prossime sfide agonistiche in programma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

Torna su
BrindisiReport è in caricamento