Senza respiro: Ostuni espugna Jesi

JESI - Marcelletti l'aveva detto: ci giocheremo tutto fino all'ultimo secondo. E a Jesi è stato così, con i suoi ragazzi che hanno saputo difendere il risultato fino alla fine, portando a casa due punti preziosi che potrebbero aprire la porta dei playoff. La Domotecnica espugna Jesi 86-88. Che Ostuni fosse sceso sul campo per vendere cara la pelle lo si capisce fin dai primissimi minuti di partita: con Klobucar e Rinaldi i gialloblù vanno sopra di cinque (13-18) ma poi subiscono al reazione di Brooks e McConnell che riportano i padroni di casa sotto di un punto allo scadere della prima frazione (17-18).

Johnson (Legadue)

JESI - Marcelletti l'aveva detto: ci giocheremo tutto fino all'ultimo secondo. E a Jesi è stato così, con i suoi ragazzi che hanno saputo difendere il risultato fino alla fine, portando a casa due punti preziosi che potrebbero aprire la porta dei playoff. La Domotecnica espugna Jesi 86-88. Che Ostuni fosse sceso sul campo per vendere cara la pelle lo si capisce fin dai primissimi minuti di partita: con Klobucar e Rinaldi i gialloblù vanno sopra di cinque (13-18) ma poi subiscono al reazione di Brooks e McConnell che riportano i padroni di casa sotto di un punto allo scadere della prima frazione (17-18).

Anche il secondo quarto parla soprattutto ostunese: i ragazzi di Marcelletti ripartono a razzo. I canestri di Jurevicus, Johnson e Basei portano il risultato sul 19-28. I padroni di casa rispondono ancora con Brooks e con l'eterno Maggioli. Due canestri di Diliegro e tre liberi di Klobucar consentono alla Domotecnica di condurre il gioco e restare avanti fino al suono della sirena: 40-44.

Dopo l'intervallo la partita diventa ancora più combattuta. Jesi parte benissimo e si porta avanti con la bomba di Hoovered il canestro da sotto di Migliori. Ostuni non subisce il colpo e Klobucar dà fiducia ai compagni con due canestri consecutivi. Al 25' sono Johnson e Jurevicus ad allungare di nuovo (49-55) ma Hoover e Maggioli non ci stanno e mettono a segno un micidiale 10-0 che sembra cambiare l'inerzia della partita. Il terzo quarto si chiude con Jesi avanti 62-60.

La partita resta avvincente fino ai minuti finali: è un continuo batti e ribatti ma nell'ultima frazione i padroni di casa sembrano riuscire a tenere sotto gli ospiti, seppure di uno o due punti. È così fino al 38', quando Diliegro e Klobucar firmano due canestri di estrema importanza, che riportano avanti (76-74) la Domotecnica. Due liberi di Jurevicus e poi Johnson consentono ai gialloblù di allungare e forse di mettere la partita al sicuro.

Brooks mette dentro il canestro della disperazione, ma Aaron Johnson risponde immediatamente e dà fiducia ai suoi. L'ultimo minuto dura una vita, ma questa volta Ostuni tiene duro fino alla fine e porta a casa i due punti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Dormitorio immigrati: sempre più affollato, igiene precaria

    • Cronaca

      Grimaldi, riaperto il capitolo in comitato portuale

    • Cronaca

      Il pm: “Massaggi a luci rosse, quattro anni e 10 mesi al prof dell’UniSalento”

    • Eventi

      Giubileo: giovedì la cerimonia di apertura della nuova porta santa

    I più letti della settimana

    • Corsi per steward e vigilantes fasulli: denunciate tre persone

    • Sala stampa Corlianò: il Comune dice di no. La replica della New Basket

    • Arriva la Spartan Race, la corsa a ostacoli più dura del mondo

    • Il Brindisi non sa segnare: altro pareggio noioso a Manduria

    • Brindisi per due giorni capitale d’Italia del canottaggio

    • Coppa Puglia: decisivo un penalty di Procida. Il Brindisi elimina il Mesagne

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento