Tanti successi per il Wushu Club, che punta nuovamente ai Nazionali

Società nata a San Vito dei Normanni per promuovere e divulgare lo studio delle arti marziali, in particolar modo nelle discipline del Jiu Jitsu e Kung Fu

SAN VITO DEI NORMANNI – Le tecniche di difesa personale in primo piano nella formazione sportiva e caratteriale dei giovanissimi, come dimostrano i circa 70 iscritti alla Wushu Club Polisportiva Asd, con sede a San Vito dei in via 8 Marzo 4, fondata nel dicembre 2011 dal maestro Vittorio Carlucci, con lo scopo di promuovere e divulgare lo studio delle arti marziali, in particolar modo nelle discipline del Jiu Jitsu, Kung Fu, ma ci sono anche praticanti di 60 anni.

La Wushu Club è una società riconosciuta ufficialmente dal Coni e dal 2014 aderisce al progetto dell’organizzazione Eurobudo International Italy, settore delle arti marziali della Amcf, e con essa all’organizzazione Internazionale Eurobudo International con sede in Belgio. La pratica delle discipline promosse dalla Wushu Club, viene svolta già dalla tenera età a scopo ludico e ricreativo, questo perché essa apporta grandi benefici sia motori che psichici, ciò non toglie però che si possa iniziare la pratica anche da adulti.

SFONDO CALCIO MAESTRO E PRESIDENTE-2

Queste attività aiutano nella socializzazione, nella maggiore conoscenza del proprio io e nella continua ricerca di migliorare se stessi lavorando molto sui valori umani quali il rispetto, l’umiltà, il coraggio, l’impegno e la lealtà. Vengono praticati inoltre corsi di difesa personale femminili e maschili, con preparazione sia tecnica che teorica, utili ad acquisire una maggiore sicurezza in se stessi. Sin da subito il vivaio della Wushu Club si fa notare nelle varie competizioni, ottenendo numerosi titoli ed ottimi piazzamenti a livello regionale, nazionale ed internazionale, permettendo alla società di vincere numerose coppe.

Nel 2014 arrivano i primi titoli nazionali che portano la società a qualificarsi vice-campione d’Italia. Nelle edizioni del 2016 e del 2018 dei Campionati Europei di Random Attacks, sono ben 7 gli atleti della società sanvitese a vestire la maglia azzurra (il maestro Vittorio Carlucci, Alessio Urgese, Walter Sergi, Domenico Spina, Desirèe Ruggiero, Andrea Raganato e Paolo Cipulli), portando alla Nazionale Italiana ben due argenti (Alessio Urgese e Domenico Spina nel 2018) e due ori (Vittorio Carlucci nel 2018 e Desireè Ruggiero nel 2016).

MAESTRO Vittorio Carlucci 2-2Il maestro Vittorio Carlucci nasce in Germania (Neuwied) nel1983 da padre Italiano e madre Tedesca. Nel 1988 la famiglia si trasferisce in Italia nel paese nativo del padre, San Vito dei Normanni, dove inizia la pratica delle arti marziali all’età di 10 anni, nelle discipline del Jiu Jitsu e del Kung Fu, sotto la guida del maestro Vito Camposeo. Nel 2001 rimane orfano di entrambi i genitori, e la passione verso le arti marziali diventa per lui fondamentale per il proprio percorso di vita. Nel 2003 Carlucci si trasferisce per lavoro a Bologna, dove la sua passione lo porta ad ampliare la propria conoscenza verso altri stili di combattimento. Questo bagaglio lo indirizza nel 2004 verso l’insegnamento, e nel 2007 tiene un corso di autodifesa per la Polizia municipale del capoluogo emiliano.

Nell’aprile 2009, sempre per lavoro, torna al suo paese d’origine, dove continua con la didattica, fino alla fondazione nel dicembre 2011 della Wushu Club Polisportiva Asd , società con la quale inizia ad affrontare attività agonistiche . Nell’aprile del 2012, durante la partecipazione a uno Stage Internazionale a Barcellona, Vittorio Carlucci ottiene la qualifica di Maestro 5° Dan. Nel 2013 esordisce come atleta della nazionale Italiana agli “Internazionali d’Italia”,  conquistando un bronzo.

CAMPIONE EUROPEO 2018-2Nel 2014 partecipa agli Europei di Jiu Jitsu nella specialità di Random Attacks, dove vi partecipa anche nel 2016 a Taranto ed infine nel 2018 a Tilburg, in Olanda, dove vince la medaglia d’ oro, conquistando il titolo di Campione Europeo. Ora cc’è una lunga lista di impegni per la giovane società sportiva. Dalla seconda tappa del campionato nazionale a Taranto, dove sicuramente la partecipazione sarà più numerosa visto che ci sarà anche la fase di qualificazione per la gara tecnica degli Under 12.

Seguiranno in aprile, con data da definire, la consueta gara regionale a San Vito dei Normanni organizzata dalla Wushu Club ( da confermare); la terza tappa e finalissima del campionato nazionale a Porto San Giorgio il 23 giugno. La società punta alle convocazioni in nazionale per gli “Internazionali d’Italia” in programma a novembre, e alla convocazione in Nazionale per la partecipazione agli Europei di Random Attacks del 2020 in Spagna, dove il maestro Carlucci cercherà di riconfermare il titolo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: alle 12 affluenza del 12,44 per cento nel Brindisino

  • Cronaca

    Inseguimento nelle campagne si conclude con un'auto incendiata e una denuncia

  • Cronaca

    Caso Cucchi: lettera di minacce a una stazione dell'Arma di Brindisi

  • Meteo

    Pioggia e nuvole anche lunedì: per l'estate bisognerà ancora attendere

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Ospedale Perrino, donati gli organi di una donna morta a 62 anni

  • Minacciato e rapinato dell'auto: caccia ai banditi

  • Furto nella stazione di servizio: in fuga con la cassetta dei contanti

  • Notte di fuoco tra Brindisi e Mesagne: incendiate tre auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento