Torneo primavera: semifinali

OSTUNI - Torneo primavera, primi verdetti. Saranno Milan- Napoli e Reggina-Lecce le due semifinali del torneo Città di Ostuni, riservato alle formazioni Primavera. La sfida, in programma domani ad Ostuni alle 20,30 (ndr oggi per chi legge) tra i rossoneri di Aldo Dolcetti e l'undici campano, allenato da Adolfo Sormani, metterà in mostra due giovani calciatori già pronti a spiccare il volo nel calcio che conta.

Filippo Galli e Antonio Marzio

OSTUNI - Torneo primavera, primi verdetti. Saranno Milan- Napoli e Reggina-Lecce le due semifinali del torneo Città di Ostuni, riservato alle formazioni Primavera. La sfida, in programma domani ad Ostuni alle 20,30 (ndr oggi per chi legge) tra i rossoneri di Aldo Dolcetti e l'undici campano, allenato da Adolfo Sormani, metterà in mostra due giovani calciatori già pronti a spiccare il volo nel calcio che conta.

Simone Andrea Ganz ha già provato cosa vuol dire il calcio vero. Il 1 novembre 2011 è una data che Ganz, figlio d'arte, difficilmente dimenticherà: è il giorno del suo esordio in Champions League con la maglia del Milan. Nella primavera di Aldo Dolcetti Ganz ha realizzato 23 reti in 41 partite ufficiali con la Primavera rossonera. Una fama di goleador, ben presto esportata in Puglia dove Ganz, ci ha messo davvero poco per far conoscere il suo talento. La doppietta contro il Cagliari nella prima partita ufficiale della kermesse, sotto lo sguardo attento di Pasquale Salerno vice di Ciro Ferrara nell' Under 21, ne è la riprova migliore. Ora tutti lo attendono come grande protagonista delle semifinali.

E mercoledì sarà sfida nella sfida contro un altro talento che ha dimostrato di voler in fretta bruciare le tappe in fretta: Gennaro Tutino. Sedici anni ancora da compiere il prossimo agosto, ma tecnica e fiuto del gol da calciatore predestinato. In poco tempo, Tutino, è diventato un giocatore determinante nella Primavera del Napoli e nelle Nazionali Under 16 e 17. Nella competizione pugliese, l'esterno partenopeo ha già realizzato tre reti.

"Siamo la squadra più giovane in questo Torneo - dichiara il tecnico campano Adolfo Sormani- ma questo perché noi lavoriamo in un discorso di prospettiva. Tutino gioca con noi da gennaio, ha fatto anche il torneo di Viareggio. Insieme a lui, anche l'altro 96' Antonio Romano. Il nostro obiettivo è mirato a portare quanti più giocatori possibili in prima squadra. Se riusciamo a vincere, e molte volte lo abbiamo fatto in questa stagione,- chiude Sormani- fa sempre piacere ".

In contemporanea a San Pancrazio Salentino grande interesse anche per la sfida tra Reggina e Lecce, che tornano ad incontrarsi nuovamente dopo le entusiasmanti sfide in campionato. I giallorossi, alla loro seconda semifinale consecutiva in questo torneo, puntano sulle qualità di Rosalfio e Malcore per conquistare la finalissima. Calabresi, rivelazione della kermesse, hanno chiuso il girone di qualificazione al primo posto, mostrando un ottimo gioco corale ed un apprezzabile organizzazione difensiva, con zero reti subite in tre incontri.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Dopo 30 anni a Pennagrossa arrivano le ruspe, grazie alla Regione

    • Cronaca

      La scala si ribalta e cade battendo la testa: muore poco dopo in ospedale

    • Incidenti stradali

      Scontro fra quattro veicoli sulla provinciale: un morto e tre feriti

    • Cronaca

      Buoni viveri da 150 euro, bando del Comune: domande entro il 14 dicembre

    I più letti della settimana

    • Asd Brindisi: due importanti rinforzi per Francioso. In sette vanno via

    • Battaglia in difesa: e l'Enel Basket regola il Sassari 76 a 61

    • I mini bolidi pronti a sfrecciare sulla pista dell'Hotel Nettuno

    • Calcio brindisino in lutto: si è spento Ansaloni, allenatore della promozione in C1

    • Calcio, Promozione: Brindisi apatico e senza gioco, al Fanuzzi passa anche l'Ostuni

    • Ansaloni uno dei mister più amati di sempre, con lui il Brindisi sfiorò la Serie B

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento