Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Appartamento in fiamme nel centro di Brindisi: decine di persone in strada

 

Decine di persone scese in strada. Una densa colonna di fumo visibile nel raggio di centinaia di metri. Si sono vissuti momenti di grade concitazione nella tarda mattinata di oggi (mercoledì 11 settembre) in via Giovanni XXIII, nel centro di Brindisi, dove si è sviluppato un incendio al piano terra rialzato di una palazzina a due piani con ingresso al civico 34, nei pressi dell’incrocio con via Taranto.

Incendio appartamento via Giovanni XXIII 4-2

Le fiamme si sono innescate intorno alle ore 14, all’interno di un appartamento utilizzato come deposito da una persona residente al piano superiore. Il fumo, attraverso la tromba delle scale di un piccolo cortile, è salito rapidamente al piano superiore. Poi ha invaso la strada, fino a lambire le palazzine limitrofe. Sul posto si sono recati tre mezzi di vigili del fuoco, fra cui un’autobotte e un’autoscala. Gli agenti della polizia locale hanno chiuso via Taranto al traffico, all’altezza dell’incrocio con via Barletta. Anche i carabinieri, la polizia e la guardia fi finanza hanno raggiunto la zona.

Incendio appartamento via Giovanni XXIII 2-2

Con la cosiddetta scala italiana, in attesa dell’arrivo dell’autoscala, i pompieri, muniti di bombole d’ossigeno, hanno raggiunto il terrazzo di un’abitazione al secondo piano. Contemporaneamente altri colleghi operavano nell’immobile da cui è partito l’incendio. I tecnici di Enel gas, attivati dagli stessi vigili del fuoco, hanno chiuso momentaneamente le tubazioni collegate alle utenze private.

Incendio appartamento via Giovanni XXIII-5

L’origine della combustione è da appurare. Da quanto appreso, l’incendio sarebbe stato causato dal cortocircuito di una batteria in carica che si trovava nell’appartamento al pian terreno rialzato, al cui interno c’era anche un aereo ultraleggero scomponibile. Fortunatamente non si registrano feriti. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento