Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cane precipita in una cisterna: lo salvano i ragazzi del Combat Soft Air

 

Se non fosse stato per i ragazzi dell’associazione Combat Softair Brindisi, sarebbe andato incontro a morte certa. Un cane finito in una cisterna, all’interno di un rudere abbandonato nelle campagne di Brindisi, è stato salvato stamattina in località Cerano. La complessa attività di recupero è stata ripresa da uno dei componenti del team. Il video del salvataggio è stato pubblicato sulla pagina Facebook dell’associazione, in un post in cui viene raccontata questa storia a lieto fine. 

Ecco il racconto: 

Questa mattina, come ogni domenica, ci siamo ritrovati sul campo per la nostra solita giocata. Prima di iniziare a prepararci, però, abbiamo sentito l'abbaiare straziante di un cane. Subito abbiamo capito che non era un normale abbaiare, ma era un grido d'aiuto. Dopo diversi minuti a cercarlo fra i ruderi abbandonati siamo riusciti a localizzarlo all'interno di una cisterna.

Molto probabilmente ci è finito lì dentro mentre inseguiva una volpe. Al suo fianco infatti c'era una carcassa di volpe ed a giudicare dall'odore acre che si respirava e lo stato di denutrizione del cane, si trovava intrappolato lì sotto già da diversi giorni.

Nonostante l'aria irrespirabile e la paura di essere morsi, non potevamo lasciarlo lì! Non ci abbiamo pensato due volte e abbiamo fatto l'unica cosa da fare: portarlo in salvo! Secondo noi è di qualche campagna lì nei dintorni, perché anche se non aveva il collare, si vedeva che era curato. Dopo una decina di secondi dalla liberazione, ha cominciato a correre come un pazzo intorno a noil quasi a farci le feste. Poi ha puntato dritto verso alcune case abitate lì vicino e si è diretto in quella direzione. E chi lo fermava più. La nostra presenza in quel punto sperduto è stata la sua fortuna

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento