Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il mistero delle tortore morte al parco urbano del Cillarese

 

BRINDISI - Cosa o chi uccide le tortore nel più frequentato dei polmoni verdi della città di Brindisi, il Parco Cillarese? Un virus, mangime avvelenato, fucili ad aria compressa? Lo chiede una lettrice che ci ha inviato le immagini e un video degli esemplari trovati privi di vita in una zona del parco urbano che si estende attorno al tratto terminale dell'omonimo canale, per sfociare nel Seno di Ponente del porto. Si tratta di una scena davvero triste.

Tortore morte al Parco Cillarese-2

Eravamo abituati alle morie di carpe e di altri pesci introdotti per ripopolamento nell'invaso a monte della diga che sovrasta il parco. Eravamo abituati alla pesca abusiva e di frodo nello stesso invaso, nella parte che ricade nelle proprietà del Consorzio Asi. Ma alla moria di tortore, uno degli uccelli eletti delle poetiche romantiche, ancora non ci eravamo arrivati. E' necessario scoprire le cause di ciò, recuperando i resti e sottoponendoli agli esami del caso. 

Non è certo un caso isolato in Italia, dove sono stati accertati episodi di moria di tortore dal collare causate dalla cosiddetta "malattia di Newcastle", una pseudopeste aviaria che non ha conseguenze sulla salute umana e di altri animali. Ma in tal caso le carcasse vanno comunque rimosse celermente. Quindi solo un accertamento veterinario può sciogliere i dubbi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento