Il vigile del fuoco Dal Bono va in pensione: l'emozionante saluto dei colleghi

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Dopo 40 anni di servizio, è arrivato il momento della meritata pensione per il capo reparto esperto dei vigili del fuoco, Angelo Dal Bono. Come nelle tradizioni del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, l’evento è stato celebrato con una emozionante cerimonia che si è svolta stamani (sabato 4 maggio) presso la caserma del comando provinciale di Brindisi, in via Nicola Brandi.852b4d32-7431-4c27-8132-7defb6be8ce8-2

Accompagnato da un collega, Dal Bono è arrivato nel cortile a bordo di un’auto rossa. Qui c’erano ad attenderlo i pompieri in divisa e i mezzi, dalla partenza all’autoscala, schierati a semicerchio, tutti con le sirene accese.

Visibilmente emozionato, Dal Bono ha abbracciato uno per uno tutti i suoi colleghi. Alla fine del giro, l’abbraccio più bello: quello con i nipotini Matteo e Angelo. I piccoli hanno posato insieme al nonno per la classica foto ricordo scattata davanti all’autoscala. Poi la consegna della targa del comando provinciale di Brindisi. 

849e1107-34b7-422a-814b-8286d01e4079-2Angelo è entrato l’1 settembre del 1979 nella grande famiglia del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, come ausiliario. Nell’aprile 1982 è diventato permanente. Nel gennaio 2008 ha conseguito la qualifica di Capo reparto. In 40 anni di servizio ha soccorso un’infinità di persone, prestando aiuto anche alle popolazioni messe in ginocchio dalle calamità, come il terremoto delle Marche nel 1997 e il sisma de L’Aquila nel 2008.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • video

    Spaccata e spari contro le guardie giurate a San Pietro Vernotico

  • video

    Rapina al portavalori, caccia ai banditi con le tute bianche

  • video

    "Tagliati assistenza domiciliare e assegno di cura a mio figlio totalmente disabile"

  • video

    Un violino e Bella Ciao per l'ultimo saluto a Vittorio Bruno Stamerra

Torna su
BrindisiReport è in caricamento