Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parco Di Giulio, Fase 2: niente folla, ma neppure distanziamento sociale

 

BRINDISI - E' aperto dal 4 maggio, Parco Di Giulio, una delle aree verdi più gettonate di Brindisi. Ci siamo andati di pomeriggio, volontari della Protezione civile all'ingresso per controllare l'età dei ragazzi: i minorenni possono accedere solo con i genitori. Dentro, bambini impegnati in una partitella di calcio, gruppi e coppie a passeggio, distanziamento sociale poco rispettato tra persone non appartenenti allo stesso gruppo familiare. Non era una situazione da Navigli a Milano all'inizio della Fase 2, quella di oggi pomeriggio 12 maggio, ma neppure rispondente in tutto e per tutto alle prescrizioni. Le mascherine? Le immagini sono eloquenti: si possono non mettere durante l'attività sportiva, ma nelle altre occasioni, quando le distanze sono ravvicinate, vanno utilizzate. Bravi tanti giovanissimi a rispettare quest'obbligo, ma altri non lo fanno. La pandemia non è finita, e come dimostrano le notizie in arrivo da tutto il mondo, basta poco per riattivare un focolaio .

Come si può infatti notare dal video, all’entrata non è solo esposto un  cartello con le norme da rispettare, ma ci sono anche due volontari della protezione civile che hanno anche il compito di contingentare gli ingressi. Tantissimi erano i bambini in bici, sui pattini e impegnati in attività calcistiche, mentre decisamente pochi gli adulti e i giovani giunti nel parco per svolgere attività motorie. Bisogna considerare che, come recita il cartello esposto del Comune di Brindisi all’ingresso di ogni parco, in base al Dpcm del 26 aprile 2020, nei parchi è consentito svolgere attività ludica e ricreativa, individualmente e inoltre si può fare attività sportiva o motoria nel rispetto della distanza interpersonale di almeno due metri. E’ vietato invece delle aree gioco attrezzate e dei campi da gioco presenti. Ricordiamo infine che sul cartello è ancora presente un regola fondamentale, ancora vigente nella Fase 2: evitare gli assembramenti (video con riprese protette per i minori).

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento