Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presentazione ai cittadini del candidato della sinistra, Riccardo Rossi

 

BRINDISI - Almeno duecento persone, ma forse anche più, si sono recate questa sera in piazza Vittoria a Brindisi per il primo incontro tra il candidado sindaco della sinistra per le prossime elezioni comunali del 10 giugno, Riccardo Rossi, ingegnere  presso il centro Enea di Cittadella della Ricerca, e i cittadini. Rossi era stato già presentato alla stampa qualche settimana fa dalla coalizione che lo candida a sindaco, vale a dire Brindisi Bene Comune, il movimento di cui è stato fondatore e rappresentante in consiglio comunale, Liberi e Uguali e il Partito Democratico, in un esperimento di riunificazione delle anime della sinistra che sino a questo momento non ha molti esempi in Italia.

E non è stato un caso che nel primo pomeriggio sia passato anche da Brindisi uno dei fondatori di Liberi e Uguali, Enrico Rossi, il governatore della Regione Toscana, che ha spiegato quale sia la posizione del nuovo soggetto politico sulla formazione del nuovo governo. BrindisiReport ha ascoltato anche lui per completare il resoconto di questa giornata di esordio ufficiale del candidato che contenderà la carica di sindaco al centrodestra (piuttosto disorientato, al momento), al Movimento 5 Stelle ed eventualmente ad altri raggruppamenti civici.

Rossi, assieme a Federica Bruno Stamerra per Liberi e Uguali, a Vittorio Rina per il Pd e a Giuseppe Ceglie per Brindisi Bene Comune, ha illustrato la propria idea di governo della città e il progetto della sinistra per governare Brindisi e portarla fuori dalla secche degli interessi personali, e alla riconquista delle occasioni di sviluppo, qualità della vità, attrattività, sicurezza necessari anche per trattenere le risorse giovanili che la città sta perdendo ormai da troppo tempo. I comizi elettorali sono già stati convocati dal prefetto Valerio Valenti, e ci sono due mesi per definire gli schieramenti. Ma Rossi è già partito questa sera, promettendo novità nelle liste, competenza e fedeltà assoluta al bene comune.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento