Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sanificato il terminal passeggeri privato a Costa Morena Ovest

 

BRINDISI – Una approfondita opera di sanificazione è stata effettuata in uno degli snodi di servizio e di transito del settore delle merci marittime, il Brindisi Terminal della società “Il Mondo”, all’esterno del varco doganale di Costa Morena Est.

Nel terminal privato infatti, transitano tutto l’anno i conduttori dei Tir che fanno servizio di trasporto tra Brindisi e le aree balcaniche (Albania, Grecia, Bulgaria, Romania, Macedonia, Kosovo), per il check-in presso gli sportelli delle varie agenzie marittime, sia per usufruire dei servizi igienici, che di quelli di ristorazione e bar.

L’intervento di sanificazione è stato effettuato a spese del gestore privato del terminal, che a breve potrebbe essere acquisito dall’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale, sia nell’ambito di un progetto di riqualificazione dell’area presentato dal Consorzio Asi, che di un progetto di nuova offerta di servizi ai passeggeri dei traghetti ro-ro di Punta delle Terrare.

Brindisi Terminal - misure anti coronavirus 2-3

Abbiamo constatato, tuttavia, che in base alle disposizioni dell’ultimo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato anche chiuso il servizio di ristorazione, considerato come un bar ordinario. In realtà si tratta di un servizio ai passeggeri e ai camionisti che potrebbe essere gestito secondo le norme prescritte dal decreto (distanza di un metro eccetera).

La situazione è stata segnalata a BrindisiReport da autotrasportatori del territorio, che hanno raccolto la perplessità dei colleghi di altri Paesi, i quali devono attendere l’imbarco sulla nave per poter prendere anche solo un caffè, e le attese durano come è noto anche non poche ore. Una disposizione locale senza dubbio da rivedere, e ovviamente da affidare ai controlli delle forze dell’ordine.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento