Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Parcheggio Tir e passeggeri, un autentico mare di immondizia

 

BRINDISI - Dovrebbe essere il biglietto da visita del porto, invece è una pattumiera, dove i rifiuti si accumulano per mesi. In quel punto arrivano e ripartono prima dell'imbarco o dopo lo sbarco, centinaia di Tir, furgoni auto: camionisti ma anche i passeggeri diretti o provenienti da Grecia e Albania. La grande area pubblica adibita a zona di sosta, davanti all'unico terminal per ora esistente a Brindisi, quello privato della società "Il Mondo", non è sottoposto a manutenzioni, pulizie, cure. Una vergogna mai risolta malgrado le istanze e le proteste degli stessi operatori del terminal. La strada della soluzione però è stata imboccata, come spieghiamo in un articolo a parte: un procollo per affidare l'area (in gran parte di proprietà dell'Asi, in minima parte dell'amministrazione civica) all'Autorità di sistema portuale, che da tempo sta anche cercando di acquisire il terminal privato, ma senza ricevere ancora risposte dal Comune di Brindisi. Parcheggio, più terminal, più pontile a briccole sono tre operazioni che insieme possono risolvere problemi di accoglienza, assistenza e sicurezza per i passeggeri, le società di autrosparto e le navi che scelgono Brindisi. Altrimenti resterà la vergogna.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento