Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Torre San Gennaro, la marina del liscio dove tutti si divertono

 

TORRE SAN GENNARO (Torchiarolo) – Può essere considerato ormai un fenomeno sociale (limitatamente al territorio) quello che accade da decenni nella marina di Torre San Gennaro, di competenza del Comune di Torchiarolo dove tutte le sere (o quasi) si riuniscono ballerini e appassionati di ballo di tutte le età per divertirsi insieme a suon di Tango, Mazzurca,  Valzer, Fox, Polka, balli di gruppo e popolari.

Ci sono le località balneari dove la gente si reca per passeggiare all’aria aperta su un viale alberato con vista mare, quelle caratterizzate da bar e localini che offrono prelibatezze di tutti i tipi con concerti live occasionali e quelle dove si balla sotto le stelle. Che piaccia o no Torre San Gennaro non può che essere identificata la marina del liscio. Dove la gente si diverte per lunghe ore ballando e "guardando ballare".

Un’usanza nata dall’idea di un gruppo di residenti riunitisi in comitato per regalare alla marina momenti di svago, che nel tempo è diventata un appuntamento fisso oggi organizzato dagli stessi residenti diventati associazione “Marina di Torre San Gennaro”. E gli appuntamenti si protraggono anche nel mese di settembre, quando nelle marine circostanti cala il sipario sugli appuntamenti estivi nel piccolo borgo di Torre San Gennaro ci si diverte fino a tarda sera a suon di musica. I ballerini giungono da tutti i paesi limitrofi, anche dal capoluogo. Su piazzale Garibaldi, che per l'occasione si trasforma in una pista di ballo, si esibiscono coppie di ogni genere anche composte da due donne o da adulti e bambini. Uno spettacolo da non perdere. 

Potrebbe Interessarti

  • Pestato mentre si apparta con la moglie di un detenuto: le immagini degli arresti

  • Scontri fra gli ultrà dopo il derby: la polizia lancia i lacrimogeni

  • Rapina all'Eurospin: si impossessano del registratore di cassa e fuggono a piedi

  • Assalto al distributore Camer: il percorso seguito dai ladri

Torna su
BrindisiReport è in caricamento