Merci dal porto alla rotaia con Gts: "Risparmio sui trasporti del 20 per cento"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

BRINDISI – Il primo treno dovrebbe partire entro la fine del mese di maggio. Il risparmio sui costi di trasporto delle merci garantito dalle rotaie, rispetto al trasporto su gomma, sarà pari al 20 per cento. Il gruppo Gts - General Transport Service SpA sarà la prima azienda a operare sul nuovo raccordo ferroviario di recente completato nella zona industriale di Brindisi, per collegare il porto di Brindisi, attraverso la nuova piattaforma intermodale logistica di Costa Morena Est, al resto d’Italia e, perché no, anche d’Europa.

Conferenza stampa Gts 2-3

L’intesa raggiunta fra la società e l’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico meridionale è stata presentata nel corso di una conferenza stampa svoltasi stamattina (martedì 14 maggio) presso la sede dell’ente portuale, in presenza del presidente dell’Authority, Ugo Patroni Griffi, e del presidente di Gts, Nicola Muciaccia. Presenti all’incontro con i giornalisti anche il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, e i presidenti del Consorzio Asi, Domenico Bianco, e di Confindustria Brindisi, Patrick Marcucci.

La Gts, con i suoi convogli, effettuerà il trasporto su rotaia delle merci sbarcate a Costa Morena, in sinergia con le imprese che giàAntonio Muciacccia, Gts-2 operano nel porto. Da Brindisi i treni si dirigeranno verso Bari e da lì verso altre destinazioni. Una di queste sarà con ogni probabilità l’interporto di Bologna, con la quale l’Authority ha siglato un accordo. La Gts è considerata la terza impresa del settore in Italia e una delle prime 15 in Italia. E’ dotata di 15 locomotori elettrici, effettua oltre 4200 trasporti annui e nella sede di Bari ha oltre 200 lavoratori. In Europa si affida a operatori privati. A Est garantisce collegamenti anche con la Grecia e la Turchia. Da Brindisi, in un primo momento, vi saranno almeno tre collegamenti alla settimana.

“Il territorio di Brindisi – ha dichiarato Muciaccia – ha grandi opportunità. Spero che l’industria locale possa supportare questa iniziativa”. Il presidente di Gts ha inoltre rimarcato come Brindisi sia “una grande piattaforma non sfruttata” e la sua azienda intende essere “la prima a farlo”.

Rossi, Marcucci e Bianco hanno parlato di grande opportunità per il territorio. “Sono contento – dichiara Bianco – che sia un’azienda pugliese a mettere il primo tassello nell’ambito di una strategia generale di rilancio dell’area brindisina”.

Patroni Griffi parla di passaggio “dalla progettualità alla operatività”. A tal proposito annuncia che l’azienda Edison è pronta a presentare un suo progetto di Lng (gas naturale liquefatto) a Brindisi, che consentirebbe di alimentare navi, treni e auto in partenza dal porto. Ma l’aspetto più intrigante dell’operazione è indubbiamente quello dei costi. Muciaccia ha parlato di 20 per cento in meno. Per fare un esempio, il trasporto di merci su gomma da Brindisi a Milano oggi ha un costo di circa 900 euro, mentre su rotaia scenderebbe a 700-750 euro. “Noi crediamo – afferma Muciaccia – che ci sia uno scambio di opportunità. L’industria locale potrà sfruttare un servizio economicamente e socialmente sostenibile e noi crediamo che ci possa essere un grande sviluppo su questo territorio”.

Potrebbe Interessarti

  • Brindisino nella tempesta: strade allagate, aeroporto spazzato dalla bufera, auto semisommerse, crolli

  • Anche la costa nord del Brindisino bombardata da enormi chicchi di grandine

  • Omicidio a Ostuni: il luogo dove si è schiantata l'auto della vittima

  • Incidente sulla superstrada: cinque veicoli coinvolti, strada chiusa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento