rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Animali

Maltrattamento genetico degli animali: cos’è e quali sono le conseguenze

Il maltrattamento genetico degli animali è una pratica ancora poco conosciuta. Scopriamo cos’è e quali sono le conseguenze sulla salute degli animali.

Il maltrattamento genetico degli animali domestici rappresenta una pratica diffusa e spesso misconosciuta, caratterizzata dalla selezione e dall'incrocio artificiale delle razze animali basata esclusivamente sull'aspetto estetico, a discapito del loro benessere e della loro salute.

Questo fenomeno è particolarmente evidente in razze come il Carlino, il Bulldog e il Bassotto, dove le caratteristiche fisiche ricercate, come il muso corto e largo o la lunga colonna vertebrale, comportano gravi problemi di salute e benessere per gli animali. Questo articolo esplorerà le cause e le conseguenze di tale pratica, insieme alle misure necessarie per contrastarla e promuovere un allevamento responsabile basato sul benessere degli animali.

Le razze più colpite: esempi e caratteristiche fisiche problematiche

Le razze più colpite dal maltrattamento genetico includono il Carlino, il Bulldog e il Bassotto, tra gli altri. Queste razze sono state selezionate per caratteristiche fisiche estreme che, sebbene possano sembrare attraenti esteticamente, causano gravi problemi di salute e benessere agli animali. Ad esempio, nel caso del Carlino e del Bulldog, il muso corto e largo (brachicefalia) porta a difficoltà respiratorie, problemi di masticazione e deglutizione, mentre nel Bassotto, la lunga colonna vertebrale aumenta il rischio di patologie spinali, inclusa l'ernia del disco. Queste caratteristiche sono il risultato di selezioni artificiali mirate esclusivamente all'aspetto estetico, senza considerare adeguatamente il benessere degli animali.

Viaggiare con un cane: tutti i consigli e i suggerimenti per partire con serenità

Le conseguenze del maltrattamento genetico sulla salute e il benessere degli animali

Le conseguenze del maltrattamento genetico sulla salute e il benessere degli animali sono gravi e variegate. Queste pratiche portano a una serie di problemi fisici e comportamentali che compromettono la qualità della vita degli animali. Tra le principali conseguenze troviamo:

  • Problemi respiratori: razze come il Carlino e il Bulldog, con il loro muso corto e largo, soffrono di difficoltà respiratorie croniche a causa delle vie aeree restrittive.
  • Problemi ortopedici: nel caso del Bassotto e di altre razze con conformazioni fisiche estreme, la lunga colonna vertebrale aumenta il rischio di patologie spinali, come l'ernia del disco, che possono causare dolore e limitare la mobilità dell'animale.
  • Problemi dermatologici: alcune razze selezionate per caratteristiche particolari della pelle o del pelo possono essere predisposte a problemi dermatologici come allergie e infezioni cutanee.
  • Problemi oculari: alcune razze con occhi prominenti o incassati possono soffrire di problemi oculari come cheratite e ulcere corneali a causa della maggiore esposizione o della limitata protezione degli occhi.
  • Problemi di riproduzione: alcune razze sono suscettibili a problemi legati alla riproduzione, come difficoltà nel parto naturale o nella copulazione, a causa delle caratteristiche anatomiche selezionate.

Le cause e i fattori che alimentano il maltrattamento genetico

Le cause e i fattori che alimentano il maltrattamento genetico degli animali domestici sono molteplici e complessi. Alcuni dei principali includono:

  • Pressione estetica: la ricerca dell'estetica e delle mode del momento spinge gli allevatori a selezionare e incrociare razze per ottenere caratteristiche fisiche estreme, senza considerare adeguatamente il benessere degli animali.
  • Profitto economico: alcuni allevatori privilegiano il profitto economico sulla salute e il benessere degli animali, selezionando razze con caratteristiche particolarmente richieste sul mercato, anche se queste comportano gravi problemi di salute.
  • Ignoranza o disinteresse: in alcuni casi, gli allevatori possono essere ignoranti riguardo alle conseguenze del maltrattamento genetico sugli animali o semplicemente disinteressati al loro benessere, concentrandosi esclusivamente sulle caratteristiche estetiche delle razze.
  • Manca di regolamentazione: in alcune giurisdizioni, la mancanza di regolamenti o normative riguardanti l'allevamento e la selezione delle razze animali consente pratiche dannose come il maltrattamento genetico a persistere senza controllo.
  • Domanda del consumatore: la domanda dei consumatori per razze animali con caratteristiche fisiche particolari spinge gli allevatori a soddisfare questa richiesta, anche se ciò comporta gravi problemi di salute per gli animali.

L'importanza della consapevolezza e dell'educazione sul benessere degli animali

L'importanza della consapevolezza e dell'educazione sul benessere degli animali è fondamentale per contrastare il maltrattamento genetico e promuovere pratiche di allevamento responsabili. Alcuni punti chiave includono:

  • Informare il pubblico: è essenziale educare il pubblico sulle implicazioni negative del maltrattamento genetico sugli animali domestici, evidenziando le conseguenze fisiche e comportamentali per gli animali coinvolti.
  • Promuovere la ricerca: è importante sostenere la ricerca scientifica sull'impatto del maltrattamento genetico sulla salute degli animali e sulle migliori pratiche di allevamento per prevenire tali problemi.
  • Leggi e regolamenti: è necessario implementare normative e regolamenti rigorosi per controllare e regolare l'allevamento e la vendita di animali domestici, inclusi quelli riguardanti il benessere genetico degli animali.
  • Adottare etiche di allevamento: gli allevatori devono adottare pratiche etiche di allevamento che mettano al centro il benessere degli animali, evitando la selezione per caratteristiche fisiche estreme che compromettono la loro salute.

In sintesi, la consapevolezza e l'educazione sul benessere degli animali sono fondamentali per promuovere un approccio responsabile all'allevamento e alla selezione delle razze animali, contribuendo a garantire una vita migliore per gli animali domestici.

Inseguire gli animali selvatici è reato: cosa si rischia e come comportarsi

Le misure di prevenzione e di contrasto al maltrattamento genetico

Per contrastare il maltrattamento genetico degli animali, è essenziale adottare un approccio multifattoriale che coinvolga diversi attori e strategie. Alcune delle misure chiave includono l'implementazione di regolamenti e leggi rigorose che controllino l'allevamento e la vendita di animali domestici, l'istituzione di standard di benessere animale che includano criteri per la selezione genetica responsabile, la formazione degli allevatori sull'importanza del benessere degli animali e delle pratiche di selezione genetica responsabile, la sensibilizzazione del pubblico riguardo alle implicazioni negative del maltrattamento genetico sugli animali e la promozione dell'adozione responsabile di animali provenienti da rifugi e centri di soccorso anziché l'acquisto da allevatori che praticano il maltrattamento genetico.

In conclusione, il maltrattamento genetico degli animali rappresenta una pratica dannosa che compromette gravemente il loro benessere e la loro salute. Razze selezionate per caratteristiche fisiche estreme spesso soffrono di gravi problemi respiratori, ortopedici, dermatologici e oculari, tra gli altri. Le cause di questo fenomeno includono la pressione estetica, il profitto economico e la mancanza di regolamentazione. Tuttavia, attraverso l'educazione, la sensibilizzazione degli allevatori e l'implementazione di normative rigorose, è possibile contrastare efficacemente questa pratica.

Articolo originale su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamento genetico degli animali: cos’è e quali sono le conseguenze

BrindisiReport è in caricamento