Inaugurazione anno giudiziario, riforma prescrizione: "Soluzione frettolosa"

L'intervento del neo presidente della Corte d’Appello di Lecce, Lanfranco Vetrone

LECCE - “Nessun cambiamento significativo nel sistema della giustizia locale. La situazione non è idilliaca, ma ciò non toglie che, pur a fronte d’innegabili disfunzioni, la magistratura del distretto leccese è riuscita anche nel periodo in esame ad assicurare ai cittadini una risposta di giustizia adeguata e qualitativamente apprezzabile”. 

Lo ha dichiarato il neo presidente della Corte d’Appello di Lecce Lanfranco Vetrone in occasione della cerimonia per l’inaugurazione dell’anno giudiziario che si è celebrata in mattinata nel Palazzo di giustizia di viale Michele de Pietro: “Se vi sono ancora in questo distretto luci e ombre, ciò accade non diversamente da come accade nell’intero territorio nazionale e soprattutto, risente della mancata soluzione di problemi che si pongono oltre i limiti di questo ambito di giurisdizione”, ha aggiunto, soffermandosi su una delle questioni, tra le più dibattute degli ultimi tempi: la legge che ha introdotto nel nostro ordinamento il congelamento dei termini di prescrizione (l’istituto che decide l’estinzione di un reato a seguito del trascorrere di un determinato periodo di tempo) con la pronuncia della sentenza di primo grado (di condanna o di assoluzione) o del decreto penale di condanna.

Ed è stata proprio questa una delle ragioni per le quali la Camera penale di Lecce ha indetto giorni di astensione dalle udienze e ha deciso di non partecipare alla cerimonia nell’aula magna del Tribunale, come annunciato ieri, al termine dell’Assemblea.

Riforma sulla prescrizione, “soluzione frettolosa”

“Se è vero che l’esigenza della norma è stata quella di evitare che crimini, anche gravi e di grande allarme sociale, rimangano impuniti, la soluzione prescelta appare frettolosa, giustificata dalla necessità di adeguare il nostro ordinamento giuridico a quello degli altri paesi europei (senza però tenere conto delle peculiarità del nostro sistema giustizia): non è ammissibile che la riforma si limiti a mantenere artificialmente in vita un processo moribondo”. Insomma, secondo il presidente Vetrone, il rischio è che  – nell’attuale sistema giudiziario, pressato da un numero esorbitante di processi, con risorse non adeguate e caratterizzato da meccanismi processuali spesso farraginosi che incoraggiano le tattiche dilatorie – i tempi di definizione diventino inevitabilmente molto più lunghi, abbandonando il cittadino (anche dopo una prima sentenza assolutoria) nella condizione d’imputato per un tempo indefinito, con ricadute negative sia sull’imputato, penalizzato sul piano sociale, lavorativo, familiare, di carriera, che sulle vittime del reato, destinate a patire in attesa del miraggio del risarcimento del danno.

Secondo il numero uno della Corte d’Appello, bisognerebbe lavorare su riforme processuali sistematiche e coerenti in funzione dell’eliminazione dell’arretrato, sullo snellimento dei ruoli, sulla depenalizzazione e sulla riduzione dei tempi di definizione dei processi; in alternativa, ricorrere di più al sistema del “doppio binario” che prevede un raddoppio dei termini per alcune tipologie di reato, attraverso l’ampliamento del catalogo dei delitti che, in un determinato momento storico, la sensibilità sociale e politica avverte di maggiore impatto e allarme ed in relazione ai quali ritiene irrinunciabile giungere all’accertamento della responsabilità, alla punizione del colpevole e al ristoro della vittima (per tali crimini i termini di prescrizione potrebbero essere differenti, significativamente più lunghi)”. In ogni caso, secondo il presidente, c’è il tempo per poter adottare opportuni aggiustamenti perché, considerato che la nuova disposizione varrà solo per i reati commessi dopo la sua entrata in vigore, la “sterilizzazione” della prescrizione opererà concretamente tra anni (dopo il termine massimo di prescrizione per le contravvenzioni).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento