Domenica, 1 Agosto 2021
Annunci

Trenini elettrici, carri e risciò: il Comune di Brindisi detta le regole

Il Consiglio comunale approva il regolamento per l'utilizzo di autoservizi pubblici non di linea ad esclusiva finalità turistica

BRINDISI – Dai trenini elettrici alle carrozze trainate da cavalli, anche il Comune di Brindisi si dota di un regolamento per i mezzi utilizzati per portare a spasso i turisti. Il via libera è arrivato nel corso della seduta odierna del consiglio comunale, svoltasi da remoto. Sino ad oggi, gli operatori del settore potevano lavorare solo con autorizzazioni a tempo concesse dall’amministrazione comunale. D'ora in avanti, invece, gli imprenditori potranno investire nei cosiddetti “autoservizi pubblici non di linea ad esclusiva finalità turistica”, senza limiti temporali, o in alternativa con autorizzazioni annuali o stagionali. Questo avverrà già in occasione della stagione crocieristica 2020, che dovrebbe prendere il via il 17 agosto, con l’approdo della nave Aldamira della compagnia tedesca Aida.

Il regolamento riguarda: veicoli a braccia cioè quei mezzi spinti o trainati dall’uomo; veicoli a trazione animale, cioè carrozzelle, carri; velocipedi, cioè biciclette, risciò, biciclette a quattro ruote; veicoli atipici, cioè i veicoli elettrici da città. Stando alle norme stabilite dall’amministrazione comunale, “l’attività di trasporto di persone con esclusiva finalità turistica può essere esercitata: dal titolare; da un collaboratore familiare; da un dipendente”. Si stabilisce inoltre che “il cavallo destinato alla trazione delle vetture non può essere ritenuto un mero strumento di trazione ma, in quanto essere vivente, va trattato con rispetto e dignità e deve essere tutelato il suo benessere sia durante le ore di lavoro che in quelle di riposo”. A tal proposito “possono essere ammessi al servizio solo i cavalli preventivamente esclusi dalla macellazione”.

I mezzi turistici potranno circolare su tutta la viabilità comunale, previa autorizzazione del dirigente del settore Trasporti e Mobilità Urbana e, qualora sia necessario ed opportuno, eventuale parere favorevole del comandante della Polizia Locale. Lo stesso dirigente potrà inoltre individuare zone pedonali o Ztl in cui permettere l’esercizio dell’attività, oltre alle aree di sosta autorizzate.

Oreste Pinto-4

L’adozione di tale regolamento è stata perorata dall’assessore alle Attività produttive del Comune di Brindisi, Oreste Pinto. “Questa è la visione – dichiara Oreste Pinto a BrindisiReport – che io porto all’interno dell’amministrazione, che è quella di mettere in atto tutte le condizioni strutturali e regolamentari per far investire nel campo turistico, invece di finanziare iniziative di amici degli amici che non lasciano nulla al territorio”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trenini elettrici, carri e risciò: il Comune di Brindisi detta le regole

BrindisiReport è in caricamento