menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbandono scolastico, la visione di Palazzo Guerrieri per il Perrino

"Brindisi città commovente" si focalizzerà sul quartiere, dove sarà sperimentato un ecosistema educante che coinvolgerà le istituzioni, gli spazi pubblici e le organizzazioni

BRINDISI - “Brindisi città commovente” è il progetto del Comune di Brindisi finanziato dal Fondo innovazione sociale. In collaborazione con Foqus – Fondazione Quartieri Spagnoli Onlus e Nesta Italia, nell’arco di tre anni il Comune si occuperà di recuperare edifici dismessi della città e trasformarli in luoghi di apprendimento con l’obiettivo di contrastare la dispersione scolastica. “Brindisi Città Commovente” intende costruire una vera e propria comunità educante, ossia una rete di soggetti - dei settori pubblico e privato -  che si occuperà di educazione formale ed informale; capace di cooperare per migliorare l’educazione dei più piccoli ed il benessere delle loro famiglie. 

Conclusa la prima fase del progetto

Lo staff di progetto ha raccolto dati, mappato la compagine sociale e culturale della città e dei quartieri, costruendo reti di operatori attivi nel settore, analizzando l’incidenza economica sulla città causata dall’abbandono e dalla disoccupazione. I dati emersi porranno le basi delle attività che verranno sviluppate nelle fasi successive del progetto e saranno condivisi con le cittadine e i cittadini di Brindisi attraverso i canali ufficiali della città e il sito di Palazzo Guerrieri a questo link: https://www.palazzoguerrieri.org/fis/

I prossimi passi 

Terminata la fase di ricerca, le attività di progettazione si focalizzeranno sul quartiere Perrino, dove sarà sperimentato un ecosistema educante che coinvolgerà le istituzioni, gli spazi pubblici e le organizzazioni del terzo settore che lavorano già su quest’area di città (fase 2). Successivamente, l’azione della comunità educante costruita per il quartiere Perrino sarà allargata a tutta la città. Strumenti, processi, soluzioni e benefici saranno replicati seguendo una logica generativa e inclusiva verso tutti i cittadini e gli operatori del settore sociale ed educativo (fase 3).

Fondo Innovazione Sociale 

Programma sperimentale disciplinato dal Dpcm 21 dicembre 2018, per la promozione di modelli innovativi che mirano alla soddisfazione di bisogni sociali emergenti, con il coinvolgimento di attori e finanziamenti anche del settore privato, secondo lo schema della finanza di impatto. La sperimentazione si articola in un programma triennale che, nell’ambito delle risorse stanziate dal fondo, finanzia progetti di innovazione sociale di amministrazioni locali (comuni capoluogo e città metropolitane) nei settori dell’inclusione sociale, dell’animazione culturale e della lotta alla dispersione scolastica .

I partner di progetto

Comune di Brindisi: il Comune di Brindisi, settore Programmazione Economica e Sviluppo, è capofila del progetto ‘Brindisi Città Commovente’; con Dgc numero 161 del 30.04.2019 ha manifestato la volontà di candidare il progetto sperimentale per l’innovazione sociale all’avviso pubblico (Dpcm 21 -2018) emanato dal Dipartimento per la Funzione Pubblica. Con ‘Brindisi città commovente’ intende affrontare e approfondire il fenomeno della dispersione e dell’abbandono scolastico; definire una strategia di attivazione cittadina basata sull’educazione attiva, diffusa e permanente contro la dispersione e l’abbandono scolastico; promuovere la rigenerazione di spazi pubblici per la creazione di nuovi luoghi sociali, educativi, culturali e produttivi.

Foqus - Fondazione Quartieri Spagnoli Onlus: Dal 2013 Foqus– Fondazione Quartieri Spagnoli Onlus ha ridisegnato ruolo e funzioni dell’Istituto Montecalvario (ex convento abbandonato di circa 10.000 mq) per migliorare lo sviluppo dei Quartiere Spagnoli, area urbana fragile e di disagio nel centro di Napoli.
Foqus è un “edificio-mondo”, una comunità educante, economica, produttiva, creativa, di cura e formazione della persona; 17 diverse realtà tra imprese pubbliche e private, for profit e no profit coinvolte in un progetto sociale comune: un nido (il primo nei Quartieri Spagnoli); una scuola dell’infanzia; una scuola primaria di primo grado ed una sperimentale di secondo grado; un centro di abilitazione per persone con disabilità cognitive; una sede dell’Accademia di Belle Arti di Napoli; testate e agenzie giornalistiche e fotogiornalistiche; un incubatore di imprese sociali, un centro di formazione; una scuola di danza e teatro; organizzazioni che condividono spazi e animano i Quartieri Spagnoli.
 

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento