rotate-mobile
Attualità

Anche a Brindisi il flash mob del Misaac a sostegno dei lavoratori precari

Si svolgerà sabato 25 marzo nel centro della città a partire dalle 16

BRINDISI - Sabato 25 marzo 2023, alle ore 16, si svolgerà il Flash Mob in tutto il territorio nazionale, organizzato dal Misaac (Movimento per l’Internalizzazione e la stabilizzazione degli assistenti all’autonomia e alla comunicazione) a sostegno del Ddl 236/2022, che prevede la internalizzazione della funzione dell’assistenza all’autonomia e comunicazione e stabilizzazione dei lavoratori precari, che esercitano con vari titoli e denominazioni, la funzione predetta. A Brindisi l’appuntamento è alle 16 in Corso Umberto I per la partenza, con arrivo in Piazza Vittoria.

"Ancora una volta, nel giro di poco tempo, il Misaac scende un altra volta in piazza, questa volta per raccontarci e raccontare all’opinione pubblica chi svolge questo servizio essenziale obbligatorio ed universalistico; l’importanza fondamentale della funzione di assistenza all’autonomia e comunicazione in favore degli alunni con disabilità, ai fini del loro diritto allo studio, all’istruzione e all’inclusione.  Per - descrivere chi è questo operatore dell’inclusione, che la legge 104/1992, art. 13, comma 3, definisce ed inquadra a tutti gli effetti quale operatore scolastico che deve realizzare l’integrazione e/o l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, a supporto della funzione docente". Si legge nella nota di presentazione della manifestazione 

"Per - spiegare perchè, con un gravissimo errore storico commesso della legge 104/1992, due operatori dell’inclusione contemplati dalla stessa disposizione normativa hanno avuto una sorte diversa. I docenti di sostegno internalizzati presso il Minsitero dell’ Istruzione; Gli assistenti all’autonomia e comunicazione lasciati alla mercè degli Enti territoriali" 

"Per - spiegare quale condizione di gravissimo precariato assistenziale e lavorativo ha determinato e determina la gestione di un servizio scolastico essenziale in capo agli Enti territoriali che hanno esternalizzato un servizio essenziale e dato luogo al fenomeno dell’intermediazione di mano d’opera qualificata che sta dissanguando gli Enti Territoriali.Per - spiegare le ragioni per le quali una categoria di elevate competenze professionali vive una condizione di vita lavorativa deprecabile per un Paese civile". 

"Per tutte le dette ragioni sosteniamo il Disegno di Legge 236/2022, che approvato porrebbe fine alla detta condizione di precariato e condurrebbe tale funzione e gli operatori all’interno di quella che noi definiamo la casa madre: Il Ministero dell’ Istruzione e del Merito.
Per tutte le suesposte ragioni chiediamo, a tutte le forze politiche, a tutte le forze sindacali, a tutti i mass media, a tutte le autorità religiose, a tutta la società civile di sostenere la nostra lotta per garantire un futuro migliore, più dignitoso, più giusto, più equo, ad alunni, famiglie, lavoratrici e lavoratori". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche a Brindisi il flash mob del Misaac a sostegno dei lavoratori precari

BrindisiReport è in caricamento