rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

"Asili nido, la cooperativa non rispetta i diritti fondamentali"

Uil Fpl sul piede di guerra: "Nonostante i solleciti, ci è stato negato ogni contatto. Sindaco di Brindisi e assessore alle Politiche Sociali intervengano"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera della Uil Fpl Brindisi a firma del segretario generale Gianluca Facecchia. La missiva è indirizzata al sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, all'assessore con delega alle Politiche Sociali del Comune Isabella Lettori e al presidente della cooperativa Gialla. Argomento: gli asili nido di Brindisi.

A distanza di due mesi dall’avvenuto cambio di gestione riguardante il personale in servizio presso gli asili nido del comune di Brindisi con l’affidamento alla cooperativa Gialla, ci troviamo di fronte a comportamenti aziendali che “lasciarci perplessi” è dir poco rispetto alle aspettative degl’impegni sottoscritti tra le parti coinvolte.

Come Uil Fpl vorremmo ricordare che a fronte di una totale adesione nei confronti del contratto collettivo nazionale di riferimento, la cooperativa Gialla aveva chiesto di inserire una variabile contrattuale come la flessibilità oraria (contemplata nel richiamato Ccnl cooperative sociali), la stessa interpretata a piacimento del datore di lavoro, come ad esempio il lavoratore giunto in servizio viene invitato ad abbandonare il posto di lavoro perché si sono presentanti pochi bambini. Per questo ed altro ancora si era concordato di definire le questioni in tempi brevi affinché le lavoratrici avrebbero sottoscritto il contratto di assunzione. 

Alla responsabilità e alla abnegazione delle operatrici le quali stanno svolgendo il loro lavoro, non trova altrettanto  comportamento da parte della cooperativa Gialla, la quale sollecitata ad incontrarsi con telefonate messaggi whatsapp per definire quanto deciso a tutt’oggi si defila al confronto e non di meno agisce nei confronti delle lavoratrici applicando unilateralmente quanto non concordato e non riconoscendo i diritti basilari spettanti, come ferie o permessi ed altro, in virtù di esigenze di servizio non meglio specificate o ancor più per mancanza di sostituti.  Vorremmo ricordare alla cooperativa Gialla che il primo riconoscimento di qualità del servizio viene dato dalle famiglie dei bambini interessati.

Per quanto sopra codesta organizzazione sindacale proclama lo stato di agitazione immediato con programmazione dello sciopero dei lavoratori, la data dello stesso sarà comunicata a seguito dell’assemblea che si terra nei prossimi giorni.

Confidiamo nell’intervento del Comune di Brindisi nella persona del sindaco Rossi o dell’assessore alle Politiche Sociali Lettori che metta fine a questo tipo di comportamento e svolgano con più efficacia attività di controllo rispetto all’operato della cooperativa affinché i soldi dei contribuenti vengano utilizzati per gli usi deliberati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Asili nido, la cooperativa non rispetta i diritti fondamentali"

BrindisiReport è in caricamento