"Assurdo silenzio del Governo su Dema: agire in fretta presso Inps"

Lo afferma, in una nota, Mauro D’Attis, deputato di Forza Italia, che sul tema ha presentato una interrogazione

BRINDISI - “Il gruppo Dema, che opera nel settore delle costruzioni aeronautiche in tre stabilimenti nel Sud Italia, Somma Vesuviana, Benevento e Brindisi, per scongiurare la chiusura delle proprie attività e tutelare circa 700 posti di lavoro ha varato nuovi investimenti e un piano di rientro per ridurre la propria esposizione debitoria. Tale piano è stato accettato da tutti i soggetti creditori tranne l’Inps. Avevamo già chiesto, con un precedente atto ispettivo, un intervento da parte del governo nei confronti di Inps ma nulla è cambiato fino ad ora e ad oggi l’istituto non ha ancora accettato il piano di rientro proposto da Dema”.  

Lo afferma, in una nota, Mauro D’Attis, deputato di Forza Italia, che sul tema ha presentato una interrogazione, cofirmatario Paolo Russo, al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Chiediamo ai ministri Patuanelli e Catalfo quali iniziative intendano assumere per scongiurare la chiusura degli stabilimenti, intervenendo presso Inps, per quanto di competenza, affinché la situazione relativa ai crediti vantati possa essere ricomposta in via stragiudiziale. In assenza di un accordo con Inps l’attività dei tre siti industriali sarebbe costretta a cessare definitivamente, con la consegna dei libri in tribunale e con la conseguenza che, oltre al mancato rientro dei crediti vantati da Inps, si aggiungerebbero ulteriori spese a carico delle finanze pubbliche per finanziare gli ammortizzatori sociali spettanti ai circa 700 lavoratori. E’ assurdo che un ente pubblico come INPS si attesti su una posizione volta a produrre il fallimento di un’azienda di eccellenza nel settore aeronautico e che genera occupazione e un considerevole indotto economico nel Sud Italia ed è incomprensibile l’inerzia del governo anche su questa vicenda”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento