menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avis Oria in assemblea: "Il 2020 anno migliore, raccolte oltre 700 unità di sangue"

Sarà anche un momento per ringraziare tutti coloro che, in piena pandemia, hanno dimostrato a più livelli come si possa operare gratuitamente e creativamente per il bene della collettività

ORIA - L'Avis comunale di Oria inaugurerà il nuovo anno associativo con l’assemblea ordinaria dei soci, convocata sabato 13 Marzo alle ore 18 presso il teatro della chiesa di San Barsanofio. Il titolo della 33esima assemblea, “Sentirsi immersi in quest’opera completamente”, trae ispirazione dallo scambio epistolare tra l’architetto Giò Ponti e il vescovo di Taranto Guglielmo Motolese, a pochi mesi di distanza dal cinquantesimo anniversario dell’inaugurazione della concattedrale basilica Gran Madre di Dio. “Sentirsi immersi nel volontariato completamente” è l’invito del consiglio direttivo per coloro che rappresenteranno l’associazione nel quadriennio 2021-2025, affinché Oria possa confermarsi come paese solidale e continuare a contribuire in maniera importante al raggiungimento dell’autosufficienza ematica.

All’interno dell’assemblea i soci ripercorreranno le tensioni ma anche gli slanci di altruismo che hanno caratterizzato l’anno pandemico che, per quanto drammatico, sarà ricordato come l’anno dei record. La risposta dei volontari oritani agli appelli Avis, infatti, ha consentito all’associazione di superare il tetto delle 700 unità di sangue, il miglior risultato dalla fondazione avvenuta nel 1988. Il privilegio della salute, il privilegio di essere stati risparmiati dal contagio, non hanno indotto i soci all’autotutela, ma hanno ispirato le loro qualità umani migliori. È solo catapultandosi nel mondo di chi soffre che la vita diventa un insieme compiuto, ed è così che Avis ricorda le attese ordinate e distanziate, le donazioni di dpi o le sanificazioni gratuite, fino ad arrivare alle richieste di donazione di plasma iperimmune da parte dei volontari che avevano sconfitto il virus.

L'assemblea è la principale occasione per avvicinarsi al mondo Avis, per conoscere i risultati delle raccolte organizzate nel 2020, analizzare i bilanci associativi e condividere idee e programmi per il prossimo quadriennio. Sarà anche un momento per ringraziare tutti coloro che, in piena pandemia, hanno dimostrato a più livelli come si possa operare gratuitamente e creativamente per il bene della collettività. Avis è lieta di informare tutti i soci e la cittadinanza che nel 2020 sono state raccolte 704 unità di sangue. Con 61 unità di sangue in più rispetto al 2019, Avis Oria conferma il trend di crescita costante registrato negli ultimi 4 anni, con un aumento percentuale delle donazioni dal 2017 al 2020 pari al 36%. Merito della sempre maggiore attenzione, formazione e sensibilità degli
oritani verso questa nobile causa, del loro sentirsi parte attiva all’interno della famiglia avisina. L’assemblea è stata organizzata nel rispetto delle prescrizioni relative alle assemblee in presenza contenute all’interno del dpcm del 14 gennaio 2021.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento