menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Giù le mani dal nostro campo sportivo": avviata petizione

L'amministrazione ha approvato la riconversione della struttura esistente, denominata "Franco Lodeserto", in una polivalente

SAN MICHELE SALENTINO - Avviata una petizione contro una recente decisione dell’amministrazione comunale di San Michele Salentino che "con delibera di giunta n°122 del 16.10.2020, ha approvato la riconversione della struttura sportiva esistente, denominata "Franco Lodeserto", in una struttura polivalente da dedicare alle sole attività di calcetto, tennis, e atletica, escludendo così di fatto e in maniera definitiva il gioco del calcio a 11, ben diverso dal gioco del calcetto".  Scrive Francesco Zecchino portavoca dei firmatari 

"Dopo tale decisione abbiamo deciso di scendere in campo pubblicamente per un’opera di sensibilizzazione, per raccogliere le firme a dimostrazione che come cittadini non condividiamo tale scelta, pur apprezzando il progetto che potrebbe essere realizzato in altro luogo. Riteniamo che la definitiva cessazione del calcio a 11 penalizza un “Diritto Sportivo” e quindi intendiamo coinvolgere tutti gli organi istituzionali che hanno il potere di intervenire in maniera, diretta o indiretta, per garantire la tutela del diritto al gioco del calcio a 11 dei cittadini e in particolare dei ragazzi. La struttura del campo sportivo è un monumento che rappresenta la storia del nostro paese e non può essere trasformato in nessun’altra cosa, tanto da comprometterne il giuoco del calcio nel tempo avvenire". 

"Scriveremo al presidente della Repubblica Sergio Mattarella «quale garante di un diritto costituzionalmente riconosciuto». Interpelleremo i presidenti di Coni, Figc e Csi. Coinvolgeremo tutte le forze Politiche, presenti sul territorio Comunale, Regionale e Nazionale. I cittadini vogliono che il campo comunale da calcio a 11 “Franco Lodeserto” non venga adattato ad altro e che venga reso agibile e quindi disponibile per le società calcistiche che verranno, affinchè i nostri bambini, ragazzi e non solo, tornino a giocare a calcio nel proprio paese"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento