Attualità

Bestemmie in diretta dopo consiglio comunale: le reazioni di opposizione e sindaco

Dopo la chiusura dei lavori, uno dei partecipanti si è lasciato andare a una bestemmia: “Vaffan.…Achibb’ham...ti”

TORCHIAROLO - Si è conclusa con un’imprecazione poco piacevole la diretta del consiglio comunale di Torchiarolo svoltosi nel pomeriggio di ieri giovedì 26 novembre in videoconferenza e trasmessa sul canale Youtube del Comune. Dopo la chiusura dei lavori, uno dei partecipanti si è lasciato andare a una bestemmia:“Vaffan.…Achibb’ham...ti”. Un altro l’ha ripetuta, con tono goliardico. Si tratta di due consiglieri di maggioranza. La bestemmia è stata ascoltata da chi era ancora collegato. Il video della parte finale del consiglio, quello che riporta le frasi poco eleganti, in pochi minuti ha fatto il giro delle chat Whatsapp. 

L'opposizione

I consiglieri di minoranza, Flavio Caretto, Sara Sardelli, Angelo Rampino e Nicola Serinelli, in tarda serata, hanno prodotto un documento in cui condannano l’accaduto. 

“Sebbene ancora scossi per l’accaduto, che riteniamo inqualificabile, sentiamo il dovere di ringraziare tutti i cittadini che ci stanno contattando per esprimerci la loro solidarietà. Il Consiglio Comunale in diretta non lascia spazio ad interpretazioni e a giustificazioni. Il confronto politico, anche acceso, non può degenerare nella volgarità cui abbiamo assistito, volgarità che ha pubblicamente oltraggiato e leso l’Istituzione Comunale e tutta la comunità prima ancora di noi Consiglieri di minoranza. Chi proferisce bestemmie di tal fattasi rivela indegno a ricoprire il ruolo di consigliere comunale”.

Il sindaco

Non è dello stesso parere il sindaco Elio Ciccarese, che raggiunto telefonicamente da BrindisiReport ha spiegato: “Naturalmente mi scuso con i cittadini per le imprecazioni diffuse in diretta ma tengo a precisare che il consiglio comunale era stato chiuso. Io stesso non ho sentito quelle frasi in diretta, ho solo visto il video diffuso successivamente. Posso assicurare che le bestemmie non erano rivolte a nessun membro del consiglio. Ognuno ha partecipato da sedi differenti, chi era a casa, chi in ufficio, chi nel Municipio, come posso pensare che quelle parolacce erano rivolte a chi era collegato e non a chi magari aveva accanto? Credo che sia stata fatta troppa speculazione mediatica attraverso i social per distogliere l’attenzione dal consiglio comunale che comunque trattava punti importanti. Non c’è motivo per cui i consiglieri in questione debbano dimettersi. In ogni caso, ribadisco, mi scuso con i cittadini per quello che è stato detto in diretta”.

I punti discussi nel consiglio comunale erano:  Programma Comunale di interventi per il Diritto allo studio anno 2021; variazione al bilancio di previsione 2020/2022; programmazione incarichi esercizio 2021. Commissioni Consiliari. Provvedimenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bestemmie in diretta dopo consiglio comunale: le reazioni di opposizione e sindaco

BrindisiReport è in caricamento