Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

L’Ammi dona monitor multiparametrico al centro dialisi di San Pietro

Sarà utilizzato per il controllo continuo dei parametri vitali, con rilevazione di pressione arteriosa, frequenza cardiaca, ritmo respiratorio, saturimetria, elettrocardiogramma

BRINDISI - Questa mattina, giovedì 17 dicembre, all’ospedale Perrino la sezione di Brindisi dell’Ammi, associazione mogli medici italiani, rappresentata dalla presidente Maria Grazia Rizzo e dalla segretaria Francesca Pizzolante, ha donato un monitor multiparametrico al direttore di Nefrologia, Luigi Vernaglione. Alla consegna erano presenti, inoltre, il presidente dell’ordine dei Medici di Brindisi, Arturo Oliva, il direttore medico facente funzione del Perrino, Antonio Trinchera e il direttore amministrativo dell’ospedale, Ignazio Buonsanto. Il monitor sarà utilizzato per il controllo continuo dei parametri vitali, con rilevazione di pressione arteriosa, frequenza cardiaca, ritmo respiratorio, saturimetria, elettrocardiogramma, dei pazienti critici sottoposti a emodialisi nel Centro di assistenza decentrata di San Pietro Vernotico. La struttura, su disposizione del dottor Vernaglione, è stata recentemente dedicata al trattamento extracorporeo dei pazienti dializzati risultati positivi al Covid.

DONAZIONE SAN PIETRO 2-2-2

La presidente Ammi ha sottolineato “l’impegno che da sempre l’associazione rivolge al supporto delle esigenze in ambito sanitario con donazioni che possano aiutare la Asl di Brindisi ad affrontare momenti critici come quello che stiamo attraversando ormai dall'inizio del 2020”. Il dottor Vernaglione, dopo aver ringraziato l'Ammi per la strumentazione donata, ha sottolineato che il monitor multiparametrico “è un apparecchio importantissimo nella gestione clinica dei pazienti in un setting assistenziale critico quale quello dedicato ai pazienti nefropatici Covid-positivi, soprattutto dal momento in cui nel centro dialisi di San Pietro Vernotico, temporaneamente, sono trattate esclusivamente persone in questa condizione”. “Questo gesto - ha concluso Vernaglione - è l’ulteriore segnale che anche l’organizzazione più capillare di un servizio presenta criticità risolvibili in massima parte con la solidarietà umana e la generosità di chi si sente ‘in società’ e non solo ‘persona’".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Ammi dona monitor multiparametrico al centro dialisi di San Pietro

BrindisiReport è in caricamento