Brindisi, bando di gara per la fornitura di 15 bus urbani

Uno alimentato con motore elettrico, gli altri 14 a metano. Finanziamento regionale pari a 5 milioni

BRINDISI – Bando  europeo per la fornitura di 15 bus urbani destinati alla città di Brindisi, con finanziamento della Regione Puglia, pari a cinque milioni di euro. Il Comune ha indetto la gara, con procedura aperta, per tre lotti: il primo ha per oggetto un autobus elettrico, della lunghezza compresa fra sette metri e 7,99; il secondo lotto riguarda sei autobus di lunghezza media, compresa fra otto e 9,99 metri; il terzo lotto si riferisce a quattro autobus di lunghezza compresa fra 11 e 12,99 metri. 

Bus navetta Stp-2

Il bando 

Le offerte dovranno pervenire a Palazzo di città entro le ore 13 del sessantesimo giorno dalla data di trasmissione all’ufficio inserzioni dell’Unione europea. L’Amministrazione può contare sulla disponibilità di 4.999.560 euro, derivanti dall’ammissione al finanziamento del progetto Smart go city, per  la “realizzazione dell’intervento di ammodernamento del parco autobus dedicato al servizio di trasporto pubblico urbano”. Il Comune, in tal modo, intende diventare una “smart city”, garantendo il rispetto dell’ambiente e la sicurezza degli utenti, così come previsto dall’avviso pubblicato il 17 maggio 2018, inserito nel Por Puglia 2014-2020, Asse IV, Azione 4.4.

I nuovi bus andranno a far parte della flotta di quelli urbani che, ad oggi, conta 72 unità. “I mezzi da acquistare “ridurranno l’anzianità media del parco, sino a 11 anni”, spiegano dagli uffici del Comune.

La proposta progettuale “si sostanzia nella acquisizione di 15 autobus nuovi che andranno a sostituire altrettanti autobus di cui tre con motorizzazione Euro 0 e 12 Euro 2”. Tutti saranno dotati di aria condizionata, pedana per disabili del tipo manuale, kneeling che consente l’abbassamento del mezzo di sette centimetri al fine di favorire gli utenti con difficoltà di deambulazione, sistema di annuncio di prossima fermata. “Inoltre, verranno installati il sistema di annuncio di prossima fermata e sistemi di informazione agli utenti a bordo con display appositi”, si legge nella relazione.

La navetta in Centro

La tipologia degli autobus  parte da “uno del tipo corto, compreso tra 7 e 7,99 metri, con trazione elettrica da inserire sul percorso delle navette Verde o Rossa, sulle quali è già in esercizio un autobus sempre del tipo corto ma di sei metri”. Il costo previsto è pari a 360mila euro

“Il notevole gradimento del servizio ha portato una frequentazione degli utenti che ormai si attesta su 15 passeggeri/corsa, giustificando quindi il rafforzamento del servizio con un mezzo di capacità superiore”, spiegano dal Comune.  “Per questo tipo di servizio, che attraversa alcune arterie interessate da attività commerciali e sulle quali si riversano i cittadini per le loro compere o semplicemente per passeggiare, è intendimento dell’Amministrazione destinare solo autobus a trazione elettrica, prevedendo quindi l’acquisto di un mezzo che vada a doppiare la dotazione attuale”.

Gli altri mezzi

Gli altri, invece, non saranno elettrici. Sei bus avranno alimentazione a metano Euro 6, dei quali “due sono da inserire sulla linea AP, che collega il Terminal di Costa Morena, il Porto interno, la stazione ferroviaria e l’aeroporto del Salento; quattro copriranno le esigenze della Linea 1 che attraversa i quartieri Santa Chiara, Commenda, Centro, Perrino e San Paolo e viceversa con capolinea attestato presso l’ospedale Perrino”.

Il progetto prevede “4 autobus del tipo normale con alimentazione a metano Euro 6 da inserire sul percorso della linea 7 che collega i quartieri di Tuturano e La Rosa con la città, alla quale sono assegnati appunto due mezzi”. “Questa linea soffre di percorribilità dovuta ad attraversamenti di strade strette sulle quali risulta difficoltoso manovrare con autobus del tipo lungo”. Altri due autobus verranno assegnati alla linea 26 che collega il quartiere Bozzano con il Centro e l’ospedale. Il costo di ogni bus ammonta a 245mila euro.

Quattro, infine, saranno “del tipo lungo con alimentazione a metano Euro 6 da inserire sulle linee 4 e 5, per esigenze di carico, tenuto conto che le linee sono a servizio della zona studi d’inverno e delle spiagge poste a nord della città”, è scritto nel progetto del Comune. In questo caso il costo è pari a 280mila euro.


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento