menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alloggi popolari, graduatoria entro gennaio 2020: 476 domande

Dopo il bando del 2016: ritardo per mancanza di personale. Ricognizione degli immobili del Comune e Arca Nord Salento

BRINDISI – Con l’arrivo del nuovo anno, il Comune di Brindisi approverà la graduatoria per l’assegnazione degli alloggi popolari: in attesa ci sono 476 famiglie, dopo il bando pubblicato nel 2016. Il primo elenco degli aventi diritto dovrà essere consegnato alla Giunta non più tardi del 31 gennaio prossimo.

case popolari paradiso_3-2

Il censimento degli immobili

A Palazzo di città, dirigente, funzionari e dipendenti sono al lavoro per ultimare il censimento degli immobili disponibili: nell’elenco dovranno essere inseriti anche quelli di proprietà dell’ex Iacp, ora Arca Nord Salento. La ricognizione si è resa necessaria perché i due enti hanno avviato iter di verifica per stabilire chi sono gli assegnatari e accertare se siano stati o meno regolari i pagamenti dei canoni di locazione. In caso contrario, sono stati avviati i procedimenti con richiesta di versamento, precisando che in caso di perdurante omissione, ci sarebbe stato sfratto.

Per ultimare questo tipo di accertamento, l’Amministrazione comunale di Brindisi ha dato mandato alla società Abaco che resta titolare del servizio di riscossione dei tributi sino alla fine del prossimo mese di giugno, per effetto della proroga tecnica disposta per garantire la continuità (in attesa della riorganizzazione delle attività di riscossione, così come è stata decisa in occasione dell’ultima seduta del Consiglio).

Diverse ordinanze di sgombero degli appartamenti sono state già eseguite dagli agenti della Polizia locale, ma ci sono casi in cui i nuclei familiari pur avendo lasciato le abitazioni, non hanno portato via i mobili e i complementi d’arredo (in tutto o in parte).

L’elenco degli immobili, quindi, è in costante aggiornamento. E’ stato previsto, inoltre, un elenco bis nel quale saranno inseriti tutti gli alloggi per i quali si rendono necessari lavori di manutenzione straordinaria.

Il bando

Il bando venne approvato dalla Giunta, con delibera, il 2 novembre 2016, “ai sensi dell’articolo 4 della legge regionale 10/2014”. Era e resta finalizzato alla “formazione della graduatoria finalizzata alla assegnazione in locazione semplice degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di cui all'articolo 1 della stessa legge, disponibili o che si renderanno disponibili nel Comune di Brindisi, salvo eventuali riserve di alloggi previste dalla legge”.

Le case popolari di via Firenze

La graduatoria

La prima graduatoria, quella provvisoria, dovrebbe essere approvata entro il 31 gennaio 2020, stando al termine che l’esecutivo ha assegnato al settore Patrimonio e casa, dopo una serie di riunioni. In un recente incontro, è stata ribadita l'opportunità di disporre della graduatoria in argomento in tempi brevissimi, quale fase preliminare all'attuazione dei programmi in corso di realizzazione. Tra questi, ci sono i progetti per la riqualificazione di Parco Bove e per la realizzazione di 50 alloggi nel quartiere Paradiso.

Per quale motivo sono stati necessari tre anni e passa prima di arrivare all’elenco degli ammessi? La risposta arriva direttamente da Palazzo di città: “Non c’era disponibilità di personale qualificato”, si legge nella relazione allegata alla delibera della Giunta. Mancavano, infatti, istruttori direttivi che sono arrivati tramite mobilità esterna da altri Enti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento