Attualità

Bonifica e recupero delle aree inquinate del Sin: 24 milioni di euro per Brindisi

Fondi stanziati dalla giunta regionale. Previste, inoltre, operazioni di caratterizzazione del villaggio residenziale San Pietro, la messa in sicurezza e bonifica della falda freatica Costa Morena, della falda freatica Fiume Grande e nell'area Stagni e Saline di Punta delle Contessa

BRINDISI - La giunta regionale, su delibera proposta dall'assessora all'ambiente Anna Grazia Maraschio, ha approvato oggi il nuovo accordo di programma per la definizione degli interventi di messa in sicurezza e bonifica delle aree comprese nel sito di interesse nazionale di Brindisi. All'interno dello stesso provvedimento sono previste operazioni di caratterizzazione del villaggio residenziale San Pietro, oltre che di messa in sicurezza e bonifica della falda freatica Costa Morena, della falda freatica Fiume Grande e nell'area Stagni e Saline di Punta delle Contessa.

"La delibera approvata oggi - ha dichiarato l'assessora regionale Maraschio - rappresenta il seguito di un'azione amministrativa cominciata nel 2007, tesa al recupero di zone a rischio per la salute pubblica. Con uno stanziamento di oltre 24 milioni di euro si bonificheranno e recupereranno aree inquinate all'interno del Sin "Brindisi", consentendo in questo modo alla cittadinanza di riappropriarsi di spazi finora inaccessibili. Intendiamo procedere su questa strada, per restituire ai Pugliesi una regione più pulita, più sana e più sicura".

L’accordo istituisce, inoltre, una cabina di regia presieduta dal rappresentante del Ministero della Transizione Ecologica al fine di garantire un’adeguata azione di governance e controllo sull’attuazione degli interventi programmati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifica e recupero delle aree inquinate del Sin: 24 milioni di euro per Brindisi

BrindisiReport è in caricamento