Centro "Oltre l'Orizzonte", impegni economici gravosi con i tagli di Comune e Regione

Nota del presidente del centro, Giacomo Intiglietta, sui risvolti occupazionali e il timore dell'interruzione del servizio

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma di Giacomo Intiglietta, presidente del centro socio educativo riabilitativo "Oltre l'Orizzonte" riguardante le difficoltà economiche che il medesimo centro sta affrontanto per sanificare ambienti, acquistare dpi e formare il personale, nonostante i ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione, tagli da parte del Comune di Brindisi e la regione.

In data 9 settembre 2020, Il dipartimento di prevenzione servizio igiene e sanità pubblica ha effettuato il test per la ricerca di Saes –CoV-2 ai dipendenti e agli ospiti del centro socio educativo riabilitativo "Oltre l'Orizzonte", con esito negativo per tutti . Pertanto personalmente e a nome di tutte le famiglie dei nostri ospiti voglio ringraziare il servizio di igiene e santità pubblica della Asl nella persona del suo dirigente  Termite, dello staff medico e del personale sanitario che ha somministrato i test nella nostra struttura, per aver accolto la nostra richiesta e per la sensibilità che ha dimostrato nei confronti dei nostri ospiti.

In attesa di nuove disposizioni le attività del centro diurno continuano a rispettare i protocolli previsti dalla Regione Puglia, con un’organizzazione del servizio modulare volta a tutelare tutta la nostra comunità, tenendo conto della difficoltà oggettiva che si incontra nella cura delle persone diversamente abili. Tutto ciò sta mettendo la nostra organizzazione a dura prova, poiché gli sforzi economici che stiamo affrontando per acquisto dei dispositivi, formazione del personale, nonché per la sanificazione straordinaria sono notevoli. Tali sforzi economici sono associati a dei ritardi di pagamenti da parte della pubblica amministrazione e ai tagli che il Comune di Brindisi e la Regione stanno attuando relativamente alla quota sociale della retta. I risvolti di questa situazione sono negativi per due aspetti, il primo quello occupazionale poiché gli operatori stanno lavorando senza alcuna certezza del futuro e le famiglie temono l’interruzione del servizio che per anni è stato dato con un alto grado di soddisfazione per i loro parenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento